Skip to main content

Article Category

Intervista

Article available in the folowing languages:

I nuovi sensori possono individuare una bomba prima che sia pronta a esplodere

Il progetto BONAS ha sviluppato dei dispositivi per il rilevamento anticipato con sensori chimici per individuare gli esplosivi.

Gli ordigni esplosivi improvvisati sono una delle più gravi minacce alla sicurezza in Europa. Ma cosa accadrebbe se fossimo in grado di scoprire questi ordigni persino prima che siano pronti a detonare? Il progetto BONAS spera di rendere possibile proprio questo con una gamma di dispositivi per la rilevazione anticipata basati su sensori chimici. Benché l’Europa venga generalmente considerata un posto sicuro dove vivere, una serie di attacchi isolati nel corso dell’ultimo decennio hanno fatto salire il terrorismo ai primi posti dell’agenda UE per la sicurezza. L’attentato di Londra nel 2005, l’esplosione dell’automobile a Oslo nel 2011 e gli attacchi di Al Qaeda sulle linee ferroviarie a Madrid nel 2004 parlano da soli: terroristi armati con ordigni esplosivi improvvisati possono colpire in qualsiasi momento. Sono quindi necessarie nuove tecnologie per trovare questi ordigni prima che mettano a rischio le vite dei cittadini dell’UE. Il progetto BONAS (“BOmb factory detection by Networks of Advanced Sensors”), finanziato dall’UE, sembra molto promettente per quanto riguarda lo sviluppo di queste nuove tecnologie per la rilevazione anticipata. Con 12 partner specializzati in ricerca, sviluppo di sensori, nanotecnologia, tecnologie wireless e schieramento sul campo, il consorzio mira a sviluppare dei sensori all’avanguardia per rilevare le tracce chimiche lasciate dagli ordigni esplosivi nascosti, sia nell’aria che nell’acqua. Ma la vera innovazione è rappresentata da quanto a monte essi riescono a svolgere il loro lavoro. Secondo il coordinatore del progetto Antonio Palucci dell’ENEA (Agenzia nazionale italiana per le nuove tecnologie), i sensori sono in grado di rilevare i precursori degli esplosivi persino prima che siano trasformati in una bomba artigianale. In questa intervista esclusiva con la rivista research*eu risultati, Palucci spiega gli obbiettivi del progetto, quanto vicini lui e il suo team sono al raggiungerli e le probabilità che queste nuove tecnologie hanno di essere usate dalle agenzie europee nazionali per la sicurezza. Qual è l’obbiettivo principale del progetto? La sicurezza dei cittadini dell’UE rappresenta una delle principali preoccupazioni della società. Questo è un risultato degli inattesi attacchi terroristici o eventi criminali che hanno portato a esplosioni e hanno lasciato la gente profondamente sconcertata, come ad esempio ciò che accadde in Norvegia nel 2011. La CE ha adottato varie misure per contrastare e prevenire questi eventi con degli strumenti sociali e tecnologici. Ora è molto più difficile e dispendioso in termini di tempo raccogliere, costruire e configurare un “ordigno esplosivo improvvisato” (IED - improvised explosive device) finale quando si pianifica un atto terroristico e/o criminale. Il progetto BONAS sta facendo avanzare questi strumenti. Abbiamo sviluppato nuovi sensori per il rilevamento non solo di composti esplosivi nascosti ma anche dei precursori necessari alla loro preparazione. Tutti questi sensori sono collegati mediante una rete wireless, che rende più facile ed efficace la loro gestione. Inoltre, abbiamo inventato una strategia da applicare sul posto allo scopo di supportare i servizi di intelligence nella scoperta di sospette attività illegali. Quali sono le differenze e le similitudini tra la vostra tecnologia e i sistemi di rilevamento esistenti? Quali sono le caratteristiche più innovative? Abbiamo applicato cinque tecnologie per affrontare il rilevamento dei precursori in stati differenti: liquido, particelle e vapore. Attualmente non sono disponibili sensori specifici per il rilevamento dei precursori, quindi le nostre soluzioni tecnologiche sono state create appositamente per questo scopo. In particolare, alcune tecnologie come ad esempio il lidar (rilevamento laser a distanza di emissioni di vapore) e QEPAS (rilevamento laser in situ a cascata quantica delle emissioni di vapore) sono state messe a punto per rilevare molecole specifiche emesse nella fase di preparazione. Abbiamo migliorato dei sensori elettrochimici integrando degli elettrodi multipli per il rilvamento di sostanze anomale rilasciate nelle acque di scarico. Inoltre, abbiamo accoppiato un sensore Raman portatile con un campionatore di particelle che è a sua volta equipaggiato con una superficie di metallo nanostrutturata potenziata allo scopo di aumentare la capacità di rilevamento. Concretamente, questa tecnica utilizza una tecnologia laser per identificare le impronte digitali chimiche degli esplosivi nell’aria e potrebbe quindi inviare un allarme quando le concentrazioni raggiungono una determinata soglia. Quale potrebbe essere una situazione tipica in cui si utilizzano i sensori wireless? La strategia prevista per distribuire i sensori wireless include l’utilizzo della rete delle tubature fognarie per la copertura estesa di un quartiere. A fianco del rilevamento a distanza (che avviene a distanze maggiori dalle persone e dai beni fondamentali allo scopo di ridurre il rischio di gravi danni), i sensori possono essere schierati anche in situ. Tutti i sensori potrebbero essere mimetizzati e schierati attorno all’oggetto sospetto. Quali sono state le principali difficoltà che avete dovuto affrontare durante il progetto e come le avete risolte? La principale difficoltà è stata quella di accoppiare il campionatore con i sensori. Le soluzioni meccaniche e tecniche sono state concordate con i partner dopo diversi test. A che punto siete con lo studio di fattibilità? Questa tecnologia soddisfa le vostre aspettative iniziali? Lo studio di fattibilità è stato completato e sono orgoglioso di affermare che siamo riusciti a soddisfare i requisiti iniziali. Il progetto si sta avvicinando alla sua conclusione. Ritiene che la produzione di massa sia una prospettiva realistica? La rete di sensori è già stata testata in due campagne sul campo. La prima nel mese di giugno del 2014 all’aeroporto militare di Pratica di Mare (Roma, Italia) e nel mese di settembre al complesso FOI (Agenzia svedese di ricerca per la difesa) vicino Stoccolma, congiuntamente al progetto EMPHASYS. Naturalmente, a causa della natura specifica dell’impiego (rilevamento precursori, ricordando che la lista è riservata), una vera produzione di massa non è realistica per tutti i sensori. Ma lo spettrometro Raman portatile è stato recentemente lanciato sul mercato dalla nostra PMI partner. Il vostro progetto sta suscitando un interesse da parte dei governi in Europa o all’estero? Diverse agenzie italiane per le indagini forensi (Polizia Scientifica, Carabinieri e Aeronautica Militare) hanno già espresso un forte interesse. Anche il FOI è entusiasta delle nostre soluzioni. Per ulteriori informazioni, visitare: BONAS http://bonas.tekever.com/

Paesi

Italia

Articoli correlati