Skip to main content

Variability's Influence on Language Acquisition

Article Category

Article available in the folowing languages:

I bambini imparano a parlare a prescindere da quante persone parlano con loro

I neonati possono imparare una lingua apparentemente senza sforzo, ma come facciano esattamente è ancora un mistero. Un progetto finanziato dall’UE ha studiato se l’acquisizione del linguaggio migliora quando i neonati sono circondati da molte persone o solo da poche persone che si occupano di loro.

Ricerca di base
Salute

Alcuni neonati passano la maggior parte del loro tempo da svegli con una sola persona, altri sentono parlare molte persone diverse. Anche se questi due neonati ascoltano le stesse identiche parole, la loro esperienza non è la stessa. I ricercatori del progetto VIOLA (Variability’s Influence on Language Acquisition), finanziato dall’UE, si sono chiesti se l’apprendimento del linguaggio sia influenzato dal numero di persone che parlano al bambino. È meglio se una sola persona parla al bambino o se il bambino è esposto a molte voci diverse? Hanno scoperto che anche se dovrebbe essere più difficile per i bambini imparare una lingua quando parlano molte persone (anche se parlano normalmente, in una conversazione), i bambini di età compresa tra quattro mesi e un anno sembrano imparare ugualmente suoni e parole. Sembra che i bambini piccoli possano “filtrare” o adattarsi alle differenze tra le voci dei diversi parlanti. I ricercatori di VIOLA hanno trovato anche prove che dimostrano che l’apprendimento delle parole e la decodificazione dei suoni emergono in parallelo. Un modo di accudire un bambino non è migliore di un altro I risultati suggeriscono che né esporre i bambini ad ampi gruppi di persone né parlare loro uno alla volta migliora l’apprendimento della lingua. Questo ha implicazioni per i responsabili delle politiche a livello nazionale, che sono spesso responsabili dei sistemi di assistenza all’infanzia nei propri paesi. “Sulla base dei risultati ottenuti, è possibile affermare che tutti i tipi di soluzioni di assistenza all’infanzia sono ugualmente positivi e che non c’è un tipo che sia superiore ad altri,” ha detto la dott.ssa Christina Bergmann, che ha coordinato il progetto presso l’École normale supérieure, in Francia. Nel “baby-laboratorio” I ricercatori hanno condotto test su neonati e hanno condotto simultaneamente modelli e simulazioni. Poiché si sa già molto su come percepiamo il parlato dall’orecchio al cervello, gli scienziati hanno usato i modelli esistenti per rispondere a un nuovo interrogativo e cioè quanto sia facile distinguere suoni in presenza di molte voci. Ai bambini sono state mostrate immagini, per esempio di un cane e di una bottiglia, gli scienziati hanno nominato uno dei due, e hanno controllato quale immagine guardassero i bambini. È una reazione automatica guardare la figura giusta se si conosce il nome dell’oggetto e i ricercatori hanno verificato se i bambini lo facevano. In un altro test, i bambini si trovavano in una stanza buia, ascoltavano parole inventate e guardavano un’immagine su uno schermo e gli scienziati misuravano per quanto tempo piaceva loro ascoltare. È stato comunque difficile per i ricercatori interpretare correttamente le reazioni dei bambini. “È veramente complicato perché non possiamo chiedere ai bambini [cosa sentono] come facciamo con gli adulti. Sono in una stanza buia e c’è una graziosa figura su uno schermo e allo stesso tempo riproduciamo suoni e quando si annoiano cominciano a guardarsi intorno,” dice la dott.ssa Bergmann. “È molto indiretto.” Andando avanti, i prossimi passi saranno esaminare in che modo i bambini imparano le parole nella vita quotidiana. Il centro di interesse sarà su altri aspetti fondamentali dell’ambiente del bambino, come il modo in cui le persone parlano ai loro bambini e com’è un giorno normale per un bambino. Tutti questi fattori possono contribuire a far luce su come i bambini imparano a parlare e di cosa hanno bisogno per imparare parole e in definitiva la loro lingua madre.

Parole chiave

VIOLA, sviluppo del linguaggio, apprendimento della lingua, neonati, bambino sviluppo del bambino, parlato, lingua, assistenza all’infanzia

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione