CORDIS
Risultati della ricerca dell’UE

CORDIS

Italiano IT

Notizie

Italiano IT

Studio conferma che il riscaldamento globale causa lo scioglimento della calotta di ghiaccio in Groenlandia

Un nuovo studio, realizzato da un'équipe internazionale di glaciologi e climatologi, conferma che il riscaldamento globale è responsabile dello scioglimento della calotta di ghiaccio in Groenlandia. Gli scienziati, provenienti da Regno Unito, Belgio, Danimarca e Stati Uniti,...

Un nuovo studio, realizzato da un'équipe internazionale di glaciologi e climatologi, conferma che il riscaldamento globale è responsabile dello scioglimento della calotta di ghiaccio in Groenlandia. Gli scienziati, provenienti da Regno Unito, Belgio, Danimarca e Stati Uniti, sono arrivati a questa conclusione dopo avere analizzato materiale glaciologico e meteorologico risalente a circa cinquant'anni fa. I risultati del loro studio sono pubblicati sulla rivista «Journal of Climate». Le indagini svolte hanno rivelato che i cambiamenti della calotta di ghiaccio verificatisi in Groenlandia fra gli anni '60 e gli anni '90 erano dovuti a cambiamenti climatici regionali, anziché globali. Tuttavia, negli ultimi 15 anni si è stabilito un collegamento statisticamente significativo fra le temperature globali e quelle registrate nella regione. Nel medesimo periodo, i livelli di scioglimento del ghiaccio nell'area sono aumentati. Metà dello scioglimento annuo della calotta di ghiaccio si verifica a luglio e le quattro estati più calde sono state registrate negli ultimi sei anni. L'estate del 2003 è stata eccezionalmente calda sui bordi della calotta di ghiaccio e questo ha portato al secondo maggiore deflusso di acqua dalla calotta di ghiaccio degli ultimi 50 anni. L'estate del 2005 ha superato il record di scioglimento, che è stato nuovamente superato nel 2007, anno caldo quasi quanto il 2003. «Secondo la nostra analisi statistica il clima della Groenlandia meridionale è attualmente sensibile al riscaldamento generale che ha luogo nell'emisfero boreale», concludono gli scienziati. «Di conseguenza, è verosimile che la calotta di ghiaccio della Groenlandia sia particolarmente reattiva al riscaldamento globale in atto, nell'ambito del quale le temperature della Groenlandia dovrebbero aumentare entro il 2100 di 1° - 8°C». «Il nostro lavoro mostra che il riscaldamento globale sta iniziando a incidere negativamente sulla calotta di ghiaccio in Groenlandia che, quale vestigia dell'ultima glaciazione, ha già resistito per un certo periodo di tempo e adesso sembra essere destinata ad un declino inesorabile», ha osservato il dottor Edward Hanna dell'Università di Sheffield, che ha guidato la ricerca. «La questione è: possiamo ridurre le emissioni dei gas a effetto serra nel tempo al fine di contenere questo declino?» Se la calotta di ghiaccio della Groenlandia dovesse sciogliersi completamente, provocherebbe un innalzamento dei livelli del mare di sette metri. La comprensione dell'attuale situazione e la risposta al cambiamento climatico sono quindi estremamente importanti.

Paesi

Belgio, Danimarca, Stati Uniti