Skip to main content
European Commission logo print header

Article Category

Notizie
Contenuto archiviato il 2023-03-07

Article available in the following languages:

Cosa guardi?

Quando valuta una curva, chi è al volante di un'automobile guarda dei punti specifici sulla strada per girare. Un gruppo di ricercatori tedeschi ha esaminato i movimenti degli occhi di guidatori e ha chiarito i dettagli delle strategie istintive in diversi tipi di curve. Lo st...

Quando valuta una curva, chi è al volante di un'automobile guarda dei punti specifici sulla strada per girare. Un gruppo di ricercatori tedeschi ha esaminato i movimenti degli occhi di guidatori e ha chiarito i dettagli delle strategie istintive in diversi tipi di curve. Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un sistema di allarme per una guida più sicura su strade con tornanti. Queste scoperte sono state pubblicate sul Journal of Vision dai membri del progetto di ricerca finanziato dall'UE DRIVSCO ("Learning to emulate perception action cycles in a driving school scenario"). DRIVSCO ha ricevuto 2,37 milioni di euro dall'Area tematica Tecnologie della società dell'informazione del Sesto programma quadro (6° PQ). In una curva, i guidatori tendono a guardare un punto specifico sulla segnaletica della corsia, chiamato punto di tangente: si tratta del punto più interno della segnaletica della corsia interna (o del limite tra la strada e il verde circostante, in presenza di una sola corsia). Altri scienziati hanno già studiato i movimenti degli occhi di guidatori in ambiente virtuale. Questa volta, il team guidato dal dott. Farid Kandil del Dipartimento di psicologia dell'Università di Münster (Germania) ha fatto un test di guida su una strada vera. Sei guidatori non professionisti ma con esperienza (compreso lo stesso dott. Kandil) hanno guidato attraverso una serie di curve a destra e a sinistra in una strada di campagna in Germania. Gli autori hanno classificato i tornanti a seconda di quanto essi erano curvi. I partecipanti allo studio hanno guidato 5 volte su ognuno dei 3 percorsi; in totale, i ricercatori hanno registrato 648 curve. Gli esperimenti sono stati fatti su una strada continentale europea con guida a destra, ma i ricercatori pensano che i risultati potrebbero essere usati per prevedere le strategie dei guidatori anche su strade con guida a sinistra, per esempio sulle strade britanniche. I guidatori indossavano sul capo un leggero dispositivo oculometrico e l'automobile era stata ricostruita per i fini dello studio: era disposta di due computer desktop con monitor e videocamere. Grazie a questa attrezzatura, il team è stato in grado di registrare non solo i movimenti degli occhi del guidatore, ma anche la posizione della macchina sulla strada e le sue coordinate GPS, altre macchine e ostacoli incontrati, l'angolo del volante e la curvatura della strada. Infine, gli scienziati hanno associato le immagini registrate dalle videocamere con i dati relativi all'automobile e alla direzione dello sguardo per comprendere la strategia che i guidatori adottano istintivamente per tenere la macchina all'interno della corsia. Il team ha scoperto che i guidatori guardano solamente il punto di tangente più della metà delle volte, ma questo varia a seconda del tipo della curva. In una curva stretta a destra, questo valore sale all'80%. In generale, i guidatori usano il punto di tangente di più nelle curve a destra, quando si vede una parte minore della strada rispetto alle curve a sinistra. Inoltre si basano su questo speciale punto maggiormente quando entrano nella curva rispetto a quando ne escono. Nel loro insieme questi dati mostrano che più la curva è chiusa più il guidatore si affida sul punto di tangente. Gli autori dello studio stanno già progettando come usare queste scoperte per migliorare la sicurezza automobilistica; stanno preparando altri esperimenti usando un prototipo di sistema di allarme. "Il sistema che abbiamo in mente controllerà le curve che si avvicinano e rileverà informazioni sui movimenti degli occhi normalmente effettuati dal guidatore," spiega il dott. Kandil. "Se il guidatore non segue il suo schema di movimento degli occhi tipico quando si avvicina a una curva, il sistema presumerà che non l'ha vista e lo avviserà in tempo."

Paesi

Germania

Articoli correlati