Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Nuova metodologia del CCR per verificare la sostenibilità dei biocarburanti

Come fa l'Europa a valutare il successo delle misure ambientali che implementa? Un nuovo strumento sviluppato dal Centro comune di ricerca della Commissione europea serve in parte a rispondere a questa domanda. Lo strumento è infatti stato sviluppato per assicurarsi che i bioc...

Come fa l'Europa a valutare il successo delle misure ambientali che implementa? Un nuovo strumento sviluppato dal Centro comune di ricerca della Commissione europea serve in parte a rispondere a questa domanda. Lo strumento è infatti stato sviluppato per assicurarsi che i biocarburanti e i bioliquidi rispondano agli standard globali più elevati. Il metodo sviluppato è in linea con le raccomandazioni del Comitato intergovernativo per i cambiamenti climatici (IPCC) per gli inventari nazionali dei gas a effetto serra ed è un fattore determinante per la sostenibilità generale dell'Europa. Il sistema, adottato dalla Commissione europea lo scorso giugno, è in grado di quantificare le variazioni di quantità di carbonio in suolo e biomassa quando la destinazione del terreno cambia in seguito alla produzione di biocarburanti. Lo strumento aiuterà inoltre le varie autorità a determinare se i biocarburanti (sia quelli prodotti all'interno dell'UE che quelli importati) contribuiscono alla diminuzione delle emissioni di gas a effetto serra e se provengono da fonti sostenibili. L'aumento del ricorso all'energia da fonti rinnovabili, il risparmio energetico e una maggiore efficienza energetica sono misure importanti per ridurre le emissioni di gas a effetto serra all'interno dell'UE e per soddisfare gli standard del protocollo di Kyoto alla convenzione quadro delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (UNFCCC). Il calcolo del risparmio relativo i gas a effetto serra rimane tuttavia un processo complesso. I sistemi di rilevazione devono tener conto di diversi fattori come, ad esempio, l'uso di fertilizzanti o pesticidi utilizzati per la produzione di biocarburante e il tipo di carburante utilizzato dai trattori o dagli altri veicoli agricoli in fase di produzione. La legislazione dell'UE obbliga gli Stati membri a soddisfare gli obiettivi nazionali in materia di energie rinnovabili. La direttiva 2009/28/CE, ad esempio, afferma che i biocarburanti dovrebbero permettere di risparmiare il 35% di emissioni di gas a effetto serra (rispetto ai combustibili fossili). Un dato, questo, che passerà al 50% nel 2017 e al 60% (per i biocarburanti da nuovi impianti) a partire dal 2018. La metodologia è un modo attraverso cui l'Europa può misurare i progressi che compie rispetto a questi obiettivi. Il sistema è stato utilizzato dalla Commissione europea anche per definire le linee guida per il calcolo delle riserve di carbonio. Il CCR ha fornito un considerevole supporto tecnico e scientifico alla Commissione, elaborando anche misure e procedure pratiche per calcolare le emissioni di gas a effetto serra di diversi processi di produzione per biocarburanti e bioliquidi e determinando i dati globali relativi alle regioni climatiche e alle varie tipologie di suolo (rispettando le direttive dell'IPCC). Mondo industriale, governi e organizzazioni non governative (ONG) vengono incoraggiate dalla Commissione ad avviare programmi volontari atti a certificare la sostenibilità dei biocarburanti e a ricevere il riconoscimento dell'UE. Tra i requisiti richiesti vi è la necessità di ricorrere ai servizi di un auditor esterno per la supervisione dell'intera catena di produzione. La Commissione ha elaborato specifiche linee guida atte a garantire che questo ultimo processo non sia fraudolento. IL CCR è la sezione interna alla Commissione europea che si occupa di ricerca ed è costituita da sette istituti disseminati in cinque paesi. Roland Schenkel, direttore generale del CCR, ha recentemente lanciato la strategia CCR per il periodo 2010-2020 che prevede che il CCR divenga un fornitore affidabile per gli attori politici di opzioni politiche legate alla scienza in tutta l'UE per affrontare questioni sociali di particolare importanza.

Articoli correlati