Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Uno studio suggerisce che i pazienti affetti da HIV potrebbero dover cominciare prima le cure

Anche i pazienti di HIV (virus dell'immunodeficienza umana) che hanno una conta di CD4 relativamente alta presentano un rischio di vita maggiore rispetto alle persone della popolazione generale, è quanto afferma un nuovo studio finanziato dall'UE e pubblicato sulla rivista The...

Anche i pazienti di HIV (virus dell'immunodeficienza umana) che hanno una conta di CD4 relativamente alta presentano un rischio di vita maggiore rispetto alle persone della popolazione generale, è quanto afferma un nuovo studio finanziato dall'UE e pubblicato sulla rivista The Lancet. Anche se tale aumento di rischio è relativamente basso, i risultati dello studio sottolineano l'importanza di condurre ulteriori studi sui rischi e i benefici di cominciare la terapia antiretrovirale (ART) con una conta di cellule più alta. Il sostegno dell'UE a questo studio proveniva dal progetto NEAT ("European AIDS (acquired immune deficiency syndrome) treatment network"), finanziato nell'ambito dell'Area tematica "Biologia, genomica e biotecnologia per la salute" del Sesto programma quadro (6° PQ). Le cellule CD4 sono globuli bianchi che rappresentano una componente importante del sistema immunitario e partecipano agli sforzi del corpo per combattere l'infezione. Nelle persone sane e negative all'HIV, le cellule CD4 sono tra 600 e 1200 per microlitro di sangue. Nelle persone infette da HIV, il virus entra nelle cellule CD4 e le distrugge, indebolendo il sistema immunitario. I medici quindi controllano regolarmente i livelli delle cellule CD4 nel sangue delle persone positive all'HIV. Attualmente le direttive raccomandano che i pazienti comincino a prendere antiretrovirali quando la loro conta di CD4 è minore di 350 cellule per microlitro. Alcuni studi però hanno suggerito che i pazienti potrebbero avere benefici cominciando a prendere farmaci antiretrovirali quando la loro conta di CD4 è più alta. Stabilire quando cominciare le cure è tutt'altro che facile, poiché i farmaci usati per curare l'HIV sono molto tossici e quindi decidere di somministrarle a pazienti che non ne hanno bisogno potrebbe essere dannoso. Questo studio è il primo ad analizzare il rischio di morte nelle persone positive all'HIV con conte di CD4 più alte e che non hanno mai preso antiretrovirali. In totale, il team ha seguito oltre 40.000 pazienti in Europa e Nord America. I pazienti sono stati suddivisi in quattro gruppi: uomini che hanno rapporti sessuali con uomini; consumatori di droghe per iniezione; eterosessuali e individui i cui fattori di rischio sono sconosciuti. In generale, lo studio ha rivelato che i tassi di mortalità nelle persone positive all'HIV con una conta di CD4 superiore a 350 sono più alti rispetto alla popolazione generale. C'era comunque una grande variazione tra questi gruppi. Il rischio di morte era più alto per i consumatori di droghe per iniezione (per i quali il rischio di morte era più di nove volte superiore) e le persone eterosessuali (per le quali il rischio di morte era più di tre volte superiore rispetto alla popolazione generale). Il rischio di morte per gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini invece era appena del 30% superiore rispetto alla popolazione generale. "L'aumento del rischio è risultato sostanziale nei consumatori di droghe per iniezione e per gli eterossessuali ma era basso negli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini," scrivono i ricercatori. "Queste scoperte suggeriscono che la gran parte del rischio nei due primi gruppi di rischio probabilmente deriva da fattori socioeconomici e di stile di vita piuttosto che dall'infezione da HIV. Il valore di aumento di rischio nel gruppo degli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini riflette con maggiore probabilità l'effetto dell'infezione da HIV." Secondo i ricercatori, questi risultati sono in linea con studi precedenti secondo i quali alcune circostanze sociali dei pazienti aumentano il loro rischio di morte più dello stesso HIV. Inoltre, il team ha confrontato il rischio di morte per i pazienti con conte di CD4 diverse e ha scoperto che rispetto a quelli con conte di CD4 di 350-499 cellule per microlitro, gli individui con conte comprese tra 500 e 699 cellule per microlitro avevano il 23% di probabilità in meno di morire e gli individui con conte di 700 cellule per microlitro avevano il 34% di probabilità in meno di morire. "Questi dati suggeriscono che le persone affette da HIV che non hanno assunto antiretrovirali e che hanno una conta di CD4 maggiore di 350 cellule per microlitro hanno un maggiore rischio di morte rispetto alla popolazione generale non infetta, sebbene l'aumento di rischio sembra essere lieve," concludono i ricercatori. "Poiché gli antiretrovirali possono ridurre il rischio di morte in questi pazienti, i nostri risultati sottolineano l'importanza di continuare a studiare... i rischi e i benefici legati a un inizio della terapia con antiretrovirali con conte di CD4 maggiori di 350 cellule per microlitro." In un editoriale che accompagnava l'articolo, Ingrid Bassnett del Massachussetts General Hospital negli Stati Uniti e Paul Sax della Harvard Medical School negli Stati Uniti precisano che molte di queste morti sono causate da malattie e disturbi che non rientrano nella definizione clinica dell'AIDS. "Un meccanismo proposto di come l'infezione da HIV potrebbe far aumentare il rischio di questi episodi non connessi con l'AIDS comprende gli effetti dannosi di infiammazioni croniche, attivazione immunitaria e immunodeficienza subclinica," spiegano. Commentando sul fatto che molte delle morti potrebbero essere attribuite a fattori legati allo stile di vita, e non all'HIV stesso, raccomandano che i medici "si impegnino a individuare, prevenire e curare" i fattori di rischio come l'uso di tabacco, l'uso di droghe per iniezione, la pressione arteriosa alta, l'obesità e il diabete che potrebbero far aumentare il rischio di mortalità nelle prime fasi dell'infezione da HIV. Concludono con un avvertimento: "Anche per gli individui con una relativa competenza immunitaria, l'infezione da HIV rimane un nemico con molte facce."

Articoli correlati