Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Archeologi dell'aria isolano particelle aerosol "pure"

Alcuni ingegneri per l'ambiente e il territorio hanno isolato particelle aerosol in condizioni antiche pre-industriali nel lontano bacino amazzonico in Brasile. Secondo loro queste scoperte ci aiuteranno a capire la formazione delle nuvole, le differenze chimiche tra ambienti ...

Alcuni ingegneri per l'ambiente e il territorio hanno isolato particelle aerosol in condizioni antiche pre-industriali nel lontano bacino amazzonico in Brasile. Secondo loro queste scoperte ci aiuteranno a capire la formazione delle nuvole, le differenze chimiche tra ambienti naturali e ambienti inquinati e i cambiamenti climatici regionali e globali. Questa ricerca, che è stata pubblicata sulla rivista Science, è risultato del progetto EUCAARI ("European integrated project on aerosol cloud climate and air quality interactions"), che ha ricevuto 10 Mio EUR nell'ambito dell'Area tematica "Sviluppo sostenibile, cambiamenti globali ed ecosistemi" del Sesto programma quadro (6° PQ) dell'UE. L'aria sopra la foresta pluviale amazzonica è più pulita di quasi qualsiasi altro posto sulla terra e ha quindi permesso al team di misurare le particelle emesse o formatesi all'interno dell'ecosistema della foresta pluviale che sono relativamente libere dall'influenza di attività antropogeniche o umane. Gli ingegneri per l'ambiente e il territorio o "archeologi dell'aria" sperano che questo studio faccia loro capire meglio il meccanismo della formazione delle nuvole, il quale influenza i livelli di precipitazioni e la capacità di far crescere cereali e piante, e i cambiamenti climatici. "In pratica abbiamo dovuto "far viaggiare" giorni di movimento di aria pura per oltre 1600 kilometri prima che l'aria arrivasse al nostro posto di misurazione," ha detto l'autore principale dello studio, Scot Martin, Gordon McKay professor di chimica ambientale presso la Facoltà di Ingegneria e Scienze applicate (SEAS) di Harvard negli Stati Uniti. Il professor Martin ha spiegato che "raccogliendo campioni da una torre alta 40 metri e usando una serie di tecniche, i ricercatori hanno rilevato e rappresentato particelle atmosferiche" e hanno scoperto che "le particelle dell'ordine dei submicron, le più rilevanti per il clima, potevano essere ricondotte all'ossidazione atmosferica delle emissioni delle piante o cosiddette goccioline aerosol organiche secondarie". Il professore le ha descritte come "una specie di particella di liquido organico" e ha detto che è la prima volta che si riesce a rappresentare una di queste particelle in isolamento "perché nell'emisfero settentrionale e in altre regioni antropogeniche, quando si cattura una particella è piena di fuliggine, nitrati e altri agenti inquinanti. Nel primordiale bacino amazzonico, gli esperti hanno potuto rilevare un numero di concentrazione di particelle aerosol di appena diverse centinaia per metro cubo (cm3) - nelle città molto industrializzate, le concentrazioni di particelle sono nell'ordine di decine di migliaia per cm3, il che rende impossibile per gli scienziati del clima misurare qualsiasi cambiamento netto quando ulteriori particelle, siano esse naturali o artificiali, vengono aggiunte. È comunque fondamentale che gli scienziati riescano a misurare tali cambiamenti, ribadisce il professor Martin. "Queste particelle influenzano la formazione delle nuvole e la formazione delle nuvole influenza le precipitazioni che a loro volta hanno conseguenze per le piante," ha detto "Questo è quello che chiamiamo il grande reattore tropicale. Tutto è collegato e nella nostra ricerca abbiamo ottenuto finalmente una breve visione delle interazioni naturali aerosol-nuvola". Il co-autore Ulrich Pöschl, uno scienziato dell'Istituto Max Plank per la chimica in Germania, ha detto: "Queste nuove informazioni e questi nuovi dati aiutano noi e i nostri colleghi a capire e quantificare l'interdipendenza del ciclo di aerosol e acqua nel sistema climatico imperturbato". Ha aggiunto che "una comprensione completa del sistema climatico inperturbato è un requisito di base per la creazione di modelli affidabili e per le previsioni delle perturbazioni antropogeniche e dei loro effetti sui cambiamenti climatici". Visto che il bacino amazzonico sta attraversando un periodo di sviluppo, uno dei co-autori dello studio, Paulo Artaxo, professore di fisica all'Università di São Paulo in Brasile, ha sottolineato che gli scienziati avranno adesso l'opportunità di osservare l'influenza delle attività umane sull'atmosfera in tempo reale. "In Brasile adesso abbiamo il sostegno della scienza per promuovere lo sviluppo sostenibile nella regione amazzonica," ha commentato. "Guardando al futuro, speriamo di chiarire i meccanismi secondo i quali la vegetazione interagisce con l'atmosfera e delucidare le principali risposte naturali. Questo rappresenterà uno strumento per controllare i cambiamenti atmosferici con precisione alla luce della deforestazione in corso."

Paesi

Brasile, Germania, Stati Uniti