Skip to main content
European Commission logo print header

Article Category

Notizie
Contenuto archiviato il 2023-03-07

Article available in the following languages:

Ritrovamento di nano-diamanti dimostra che una cometa colpì la terra 13.000 anni fa

Secondo uno studio presentato nel Journal of Glaciology, un team internazionale di scienziati ha trovato nano-diamanti nella calotta di ghiaccio della Groenlandia. I diamanti, presenti in numero di molti milioni di milioni e talmente minuscoli da poter essere osservati soltant...

Secondo uno studio presentato nel Journal of Glaciology, un team internazionale di scienziati ha trovato nano-diamanti nella calotta di ghiaccio della Groenlandia. I diamanti, presenti in numero di molti milioni di milioni e talmente minuscoli da poter essere osservati soltanto con speciali microscopi ad alto ingrandimento, danno credito alla controversa ipotesi che frammenti di una cometa colpirono il Nord America e l'Europa circa 12.900 anni fa. "C'è uno strato nel ghiaccio che presenta grande abbondanza di diamanti," ha detto il coautore James Kennett, professore emerito nel dipartimento di Scienze della Terra dell'Università della California (UC) a Santa Barbara, Stati Uniti. "La cosa più eccitante per noi è il fatto che questo è il primo strato di diamanti così distinto mai trovato in uno dei ghiacciai del mondo, comprese le grandi calotte polari e i ghiacciai alpini," ha aggiunto lo scienziato, che è considerato da molti suoi colleghi uno dei fondatori della geologia marina e della paleoceanografia. Questa scoperta supporta le prove già pubblicate di un impatto cosmico verificatosi circa 13.000 anni fa, ha spiegato il professor Kennett. L'anno scorso, lo scienziato riferì la scoperta di nano-diamanti in uno strato di sedimento portato alla luce su Santa Rosa Island, al largo della costa di Santa Barbara in California, in due studi pubblicati nelle riviste Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) e Science. Un'alta percentuale dei nano-diamanti nella calotta di ghiaccio della Groenlandia presenta una struttura minerale esagonale, ed è risaputo che questa è presente sulla terra solo associata a eventi di impatti cosmici, ha affermato. Questo strato di diamanti corrisponde allo strato sedimentario conosciuto come il limite del Dryas recente, che risale a 12.900 anni fa. Il professor Kennett ha spiegato che lo strato contenente i diamanti sulla Santa Rosa Island e quelli nella calotta di ghiaccio in Groenlandia sembrano corrispondere bene con il periodo della scomparsa della cultura Clovis, la prima cultura umana ben stabilita e riconosciuta che viveva in tutto il Nord America. L'evento corrisponde anche con il periodo in cui si sono estinti molti grandi animali nella regione, tra cui mammut, cammelli, cavalli e le tigri dai denti a sciabola. Inoltre, secondo il professor Kennett, ci sono prove di incendi boschivi molto diffusi in quel periodo e un associato repentino raffreddamento del clima chiamato Dryas recente è anche ampiamente registrato nell'emisfero settentrionale. La causa di questo raffreddamento e la causa dell'estinzione degli animali e del cambiamento culturale umano sono state dibattute a lungo. Il professor Kennett ha fatto notare che queste scoperte rappresentano solo uno "studio preliminare" e che, sebbene la scoperta di un picco potenziale postglaciale dei nano-diamanti nella calotta di ghiaccio in Groenlandia sia "eccitante", riconosce anche che sono sorte molte "domande senza risposta". Ha affermato che stava presentando ora questa ricerca "per stimolare ulteriori indagini e dibattiti", suggerendo, ad esempio, che dovevano essere utilizzati diversi tipi di campionamento in ulteriori studi. "Questo studio è stato portato avanti usando campioni di ghiaccio della Groenlandia presi con una risoluzione piuttosto grossolana, e quindi, per perfezionare in modo significativo le scoperte qui presentate, è necessario un campionamento con una risoluzione più alta," hanno detto gli autori nel loro lavoro. Ulteriori potenziali aree di esplorazione dovrebbero comprendere una datazione più precisa, misurazioni più dettagliate delle serie temporali geochimiche incluse quelle per gli elementi osmio e iridio, e l'utilizzo di migliori procedure di estrazione dei diamanti "per minimizzare il carbonio amorfo resistente all'acido", che hanno notato "attualmente limita le procedure analitiche a disposizione". Più ampie analisi degli allotropi di diamante mediante, ad esempio, la spettroscopia Raman, una tecnica usata per studiare le modalità vibrazionale, rotazionale e altre a bassa frequenza, dovrebbero essere anche condotte in futuro, fanno notare. Guidati dall'Università del Maine negli Stati Uniti, anche scienziati provenienti da Danimarca, Giappone e Stati Uniti hanno contribuito allo studio.

Paesi

Danimarca, Giappone, Stati Uniti

Articoli correlati