Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Avere figli più tardi non è dannoso per la loro salute, lo dimostra un nuovo studio

Anche se prima si pensava che mettere su famiglia più tardi potesse aumentare il rischio di problemi di salute nei figli quando crescono, una nuova ricerca dimostra che il grado di istruzione della madre e il numero di anni che sopravvive dopo aver dato alla luce influenza la ...

Anche se prima si pensava che mettere su famiglia più tardi potesse aumentare il rischio di problemi di salute nei figli quando crescono, una nuova ricerca dimostra che il grado di istruzione della madre e il numero di anni che sopravvive dopo aver dato alla luce influenza la salute dei suoi figli adulti e non l'età che aveva quando sono nati. In un articolo pubblicato sulla rivista Demography, un team di ricercatori tedeschi ha messo in dubbio l'idea che le madri che partoriscono tardi hanno bambini meno sani da adulti a causa degli effetti fisiologici come la minore qualità dell'oocita o una placenta più debole. Lo studio, che ha usato dati di 18.000 bambini e delle loro madri negli Stati Uniti, è stato coordinato dal ricercatore Mikko Myrskylä dell'Istituto Max Planck per la ricerca demografica di Rostock, Germania. Lo studio ha rivelato che i bambini nati da madri di età compresa tra i 35 e i 44 anni non sono meno sani nel corso della vita di quelli nati da madri che hanno partorito tra i 25 e i 34 anni di età. Anche se più tardi una donna rimane incinta, maggiore è il rischio di aborto spontaneo e l'insorgenza di sindromi come la trisomia 21, in generale, i bambini nati da madri di 24 anni o meno hanno un numero più alto di malattie diagnosticate, muoiono prima, rimangono di statura più bassa e hanno maggiori probabilità di essere obesi da adulti. Lo studio dimostra che prima partorisce la donna, maggiori sono le probabilità che i bambini soffrano di malattie da adulti. I bambini nati da madri di età compresa tra i 20 e i 24 anni soffrono del 5% di malattie in più rispetto a quelli nati da madri di 25 - 34 anni e per quelli nati da madri di età compresa tra i 14 e i 19 anni, questa cifra sale al 15%. Mikko Myrskylä commenta: "I dati [suggeriscono] che quello che a prima vista sembra un effetto negativo dell'età avanzata della madre, sia un'illusione spinta dall'educazione della madre e l'età alla quale il figlio perde la mamma." È interessante che il rapporto tra l'età della madre e l'educazione si è invertito nel tempo. Mentre all'inizio del 20º secolo i genitori con un più basso livello di istruzione continuavano ad avere bambini anche più tardi e i genitori meglio istruiti avevano meno figli in età più avanzata, oggi, le donne meglio istruite hanno figli più tardi. Lo studio aiuterà a mitigare le paure per la salute di una generazione che sta scegliendo di avere figli sempre più tardi.Per maggiori informazioni, visitare: Max-Planck-Gesellschaft: http://www.mpg.de/en

Paesi

Germania