Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

Lo scioglimento della lastra di ghiaccio della Groenlandia sta distruggendo gli ecosistemi di fiordi e coste

Gli ecosistemi costieri e la pesca della Groenlandia potrebbero essere a rischio poiché il riscaldamento globale sta facendo sciogliere i ghiacci a una velocità preoccupante, avverte un nuovo studio dell’UE.

Cambiamento climatico e Ambiente
Alimenti e Risorse naturali

La lastra di ghiaccio della Groenlandia starebbe scomparendo più rapidamente del previsto a causa del riscaldamento globale, stando a quanto affermato dall’articolo «Mass balance of the Greenland Ice Sheet from 1992 to 2018» pubblicato su Nature. Inoltre, un nuovo studio danese spiega come l’acqua dolce che si sta riversando nel Mare Artico possa alterare gli ecosistemi di quest’ultimo. Probabilmente, questo avrà ripercussioni sull’industria della pesca, dalla quale gli abitanti dipendono in larga misura per quanto riguarda nutrimento ed esportazioni. L’acqua proveniente dalla calotta ghiacciata sta aggiungendo acqua dolce nella parte più alta dell’oceano dove, essendo meno densa di quella salata, si ferma. Questo crea una barriera che impedisce al fitoplancton di raggiungere le sostanze nutritive di cui ha bisogno presenti in superficie, spiega la ricercatrice borsista Johnna Holding. Coordinata dalla Università di Aarhus danese, Holding è stata supportata dal programma Marie Skłodowska-Curie nell’ambito del progetto GrIS-Melt. I ghiacciai rivestono un ruolo fondamentale nella miscelazione dell’acqua dell’oceano. Molta della loro acqua dolce si scioglie nel mare più in profondità. L’acqua meno densa sale in superficie, agitando l’acqua e le sostanze nutritive in essa contenute. Tuttavia, la situazione sta cambiando in fretta, afferma Holding: «Il problema è che questi ghiacciai a terminazione marina, ovvero quelli protesi sul mare, si stanno ritirando. Quando non ci saranno più, l’acqua scorrerà via come quella di un qualsiasi fiume e questo meccanismo di miscelazione scomparirà». Holding ha esaminato i fiordi in alcune parti dell’Artico in cui i ghiacciai si sono già ritirati dal mare. L’assenza di corrente riduce la miscelazione, quindi il fitoplancton incontra maggiori difficoltà mentre tenta di raggiungere le sostanze nutritive di cui ha bisogno. Elemento fondamentale per la catena alimentare marina, il fitoplancton è essenziale affinché i pesci possano prosperare. «La mia ricerca suggerisce una tendenza futura verso fiordi meno produttivi», spiega Holding. I sedimenti della lastra di ghiaccio stanno inoltre appannando la superficie dell’acqua, dove vive il fitoplancton, limitando il passaggio della luce necessaria alla fotosintesi. «Il fitoplancton è costretto a vivere sempre più vicino alla superficie e sempre più lontano dalle sostanze nutritive presenti in profondità», aggiunge Holding. «In alcuni di questi torbidi fiordi è presente la doppia maledizione che riduce l’apporto sia di luce che di nutrienti». I risultati preliminari suggeriscono inoltre che i sedimenti presenti nelle acque di scorrimento forniscono una superficie aggiuntiva alla quale i batteri possono attaccarsi, proliferando e scomponendo più facilmente il carbonio emesso dal fitoplancton. Ciò potrebbe compromettere l’attuale equilibrio del «ciclo del carbonio», in cui quest’ultimo si trasforma dalla CO2 inorganica alle microscopiche cellule organiche di fitoplancton attraverso la fotosintesi. La quantità di carbonio prodotta è sempre stata superiore a quella consumata e finora una porzione di carbonio è stata sepolta nelle profondità dell’oceano, rendendo i fiordi una sorta di «pozzo» di CO2. Holding teme che presto i fiordi della Groenlandia non riusciranno più ad assorbire anidride carbonica e comincino invece a produrne altra, proprio mentre il mondo lotta per tagliare le emissioni di CO2. Il finanziamento dell’UE è stato fondamentale per il progetto, che ha richiesto spedizioni in aree remote della Groenlandia. Anche gli amici di Holding hanno contribuito durante un pizza party, aiutandola ad avvolgere 1 000 fiale di vetro dentro fogli di alluminio per il suo viaggio di campionamento. Le fiale sono state bruciate in un forno per garantire l’assenza di carbonio nei campioni di acqua. Holding conclude: «Per ringraziarli, ho offerto birra a tutti e ho riportato un campione di acqua dei ghiacciai groenlandesi a ciascuno di loro!».

Parole chiave

GrIS-Melt, Groenlandia, lastra di ghiaccio, scioglimento, ghiacciai, catena alimentare, sostanze nutritive, fitoplancton, carbonio, ciclo del carbonio

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione