Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

L'impatto delle emissioni degli aerei sul clima e sull'ozono nell'atmosfera

Da un'esauriente valutazione dell'impatto sulle emissioni degli aerei è emerso che tali emissioni hanno un'incidenza minore rispetto ad altre emissioni causate dall'uomo ma potrebbero nondimeno avere un notevole effetto sulla chimica dell'atmosfera e sulla copertura nuvolosa, ...

Da un'esauriente valutazione dell'impatto sulle emissioni degli aerei è emerso che tali emissioni hanno un'incidenza minore rispetto ad altre emissioni causate dall'uomo ma potrebbero nondimeno avere un notevole effetto sulla chimica dell'atmosfera e sulla copertura nuvolosa, con possibili conseguenze per lo strato d'ozono e il clima. L'esame è stato realizzato da importanti ricercatori europei, con il patrocinio del programma di ricerca comunitario Ambiente e clima, e i risultati sono stati appena pubblicati nella rivista scientifica "Atmospheric Environment". Le conclusioni dello studio si basano in gran parte sui risultati dei programmi di ricerca europei, quali per esempio i progetti AERONOX, POLINAT, MOZAIC, AEROCHEM, AEROCONTRAIL e LOWNOX sostenuti dai programmi Ambiente e clima e Tecnologie industriali e dei materiali (BRITE-EURAM), nonché di altri progetti nazionali. Gli autori giungono alla conclusione che, in primo luogo, gli effetti del riscaldamento (climatico) associato con l'aumento di ozono causato dalle emissioni di NOx sono paragonabili agli effetti di riscaldamento causati dalle emissioni di CO2 prodotte dagli aerei; in secondo luogo, anche gli effetti del riscaldamento dovuti alla modifica della copertura nuvolosa tramite formazione delle scie sembrano avere la stessa importanza degli effetti causati dalle emissioni di CO2; infine, lo sviluppo di una flotta di aerei supersonici che volano alle alte quote potrebbe perturbare lo strato di ozono nella stratosfera. Lo studio ha messo in evidenza numerose lacune nella conoscenza in questo settore, in particolare la scarsa conoscenza della regione in cui volano gli aerei, ai confini tra la troposfera e la stratosfera. Inoltre, è stata sottolineata l'esigenza di studiare l'effetto delle emissioni degli aerei sulla grande quantità di particelle che assicurano una serie eterogenea di complesse reazioni di superficie. Lo studio di queste problematiche continuerà tramite il programma Ambiente e clima e l'iniziativa CORSAIRE (Coordination of Research for the Study of Aircraft impact on the Environment - Coordinamento della ricerca per lo studio dell'impatto degli aerei sull'ambiente). Nell'ambito dell'imminente Quinto programma quadro di RST, la ricerca continuerà, in particolare, con le azioni chiave su "Cambiamento globale, clima e biodiversità" e "Nuove prospettive nell'aeronautica". A livello internazionale, gli scienziati europei proseguiranno la loro partecipazione al rapporto "Aviazione e atmosfera globale", attualmente in corso di realizzazione a cura del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC - Intergovernmental Panel on Climate Change).