Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Una soluzione Fintech potrebbe contribuire a ridurre l’esclusione finanziaria

Una piattaforma tecnologica digitale sostenuta dall’UE fornisce un metodo di pagamento sicuro, immediato e intuitivo per tutti i consumatori. Essa consentirà alle persone sprovviste di servizi bancari di partecipare all’economia finanziaria globale.
Una soluzione Fintech potrebbe contribuire a ridurre l’esclusione finanziaria
Grazie all’aumento della connettività e all’uso diffuso degli smartphone, le applicazioni di Mobile Banking e di Mobile Payment sono ormai diventate mentalità comune. Ciò sta contribuendo a incrementare il numero e il volume delle transazioni non in contanti. Secondo il World Payments Report 2017, le transazioni globali non in contanti hanno registrato una forte crescita durante il periodo 2014-2015, raggiungendo un volume di 433,1 miliardi. Eppure, i sistemi IT esistenti implicati in tali transazioni presentano alcuni limiti, in particolare se sono centralizzati. Gli elevati costi di manutenzione vengono trasferiti sui clienti e, di conseguenza, le crescenti commissioni bancarie portano a esclusione finanziaria.

Il progetto BILLON, finanziato dall’UE, affronta queste sfide attraverso un sistema di pagamento istantaneo basato sulla blockchain che risulta conforme alle attuali normative finanziarie. Esso utilizza la tecnologia DLT (Distributed Ledger Technology) per creare conti correnti gratuiti in grado di eseguire pagamenti “ultra-low cost” con valute reali quali euro, sterlina inglese e zloty polacco. Il fornitore di questa DLT è Billon, un’azienda che adotta la tecnologia blockchain con sede a Varsavia, che è anche un’istituzione di moneta elettronica regolamentata dall’Autorità di Condotta Finanziaria nel Regno Unito. Come spiegato in un comunicato stampa, l’architettura leggera e distribuita di Billon consente agli utenti di risparmiare denaro, documenti e identità direttamente sulla sua blockchain garantendo un accesso completo all’utente finale o alle entità confermate.

Blockchain e DLT

Una blockchain è un particolare tipo di struttura dati utilizzato in alcuni libri mastri distribuiti che memorizza e trasmette dati in pacchetti denominati blocchi, secondo rapporto della Banca Mondiale. Questi blocchi sono collegati tra loro in una catena digitale. La DLT è un tipo speciale di sistema elettronico di elaborazione e archiviazione dei dati. Il libro mastro distribuito fa riferimento a un database condiviso attraverso una rete di più siti, aree geografiche o istituzioni. Esso fornisce ai partecipanti o ai nodi diritti comuni per scrivere, leggere e memorizzare voci nel libro mastro. La DLT ha il potenziale per trasformare i pagamenti, le liquidazioni in titoli e le funzioni di gestione riducendo sostanzialmente i costi. Ciò consente alle transazioni dirette peer-to-peer di eludere gli intermediari. Le applicazioni sono anche possibili al di fuori del settore finanziario per gestire i database, ad esempio nel settore sanitario.

Grazie al potenziale rivoluzionario della sua tecnologia per i pagamenti diretti, Billon si è ultimamente trovato sotto i riflettori. È stato presentato durante l’evento annuale FinTech50, un elenco delle aziende europee più innovative nel mondo della finanza e della tecnologia. Il FinTech50 del 2018 è stato selezionato da oltre 1 800 aziende FinTech in Europa.

Regolamento e inclusione finanziaria

Le imprese in tutta la Polonia e nel Regno Unito stanno già utilizzando le soluzioni blockchain di Billon per trasferire la moneta elettronica, l’equivalente digitale del contante come qualificato dalla Direttiva riveduta sui servizi di pagamento dell’UE. La Direttiva è stata introdotta per rendere i pagamenti elettronici su scala europea meno costosi, più facili e più sicuri.

Citato in un comunicato stampa, Robert Kałuża, co-fondatore e direttore operativo di Billon, afferma che l’introduzione della Direttiva «apporta notevoli benefici per gli individui precedentemente esclusi dai sistemi finanziari». Ad esempio, consente loro di «accettare la remunerazione in forma digitale per un lavoro temporaneo o irregolare, senza la necessità di un conto bancario o di una carta di credito, che potrebbe essere costoso». Billon è destinato a trarre profitto da tali cambiamenti normativi.

Il progetto BILLON (Disrupting the economy – FinTech blockchain solution revolutionises direct payments. Secure, low-cost and simple bank-free payments for everyone) in corso mira a perturbare il mercato dei pagamenti alternativi.

Per ulteriori informazioni, consultare:
progetto BILLON

Fonte: Sulla base di informazioni relative al progetto e segnalazioni dei media

Informazioni correlate