Skip to main content

ATomic LAyer NanoprinTer, for rapid micro- and nanoprototyping of complex multi-material 2D/3D structures with high-resolution

Descrizione del progetto

Le stampanti 3D ad alta risoluzione passano alla fase commerciale

La stampa tridimensionale ha un enorme potenziale per quanto concerne la lavorazione di piccole e complesse funzioni nei sistemi microelettromeccanici (MEMS). Tuttavia, la risoluzione di stampa relativamente bassa, i pochi materiali di stampa e la mancanza di flessibilità di progettazione sono un fattore limitante nei confronti di una più diffusa proliferazione della stampa 3D dei MEMS. L’azienda danese ATLANT ha creato la prima stampante 3D per la prototipazione rapida di più materiali su micro e nanoscale che combina tre tecnologie in una macchina: deposizione di strati atomici, microfluidica e stampa 3D. Il finanziamento del progetto ATLANT3D da parte dell’UE consentirà all’azienda di colmare i rimanenti passi verso la commercializzazione della tecnologia su vasta scala. A lungo termine, l’idea è che ATLANT3D diventi l’unico dispositivo necessario per la prototipazione in qualsiasi ambiente di micro/nanofabbricazione.

Invito a presentare proposte

H2020-EIC-SMEInst-2018-2020

Vedi altri progetti per questo bando

Bando secondario

H2020-SMEInst-2018-2020-1

Meccanismo di finanziamento

SME-1 - SME instrument phase 1

Coordinatore

ATLANT HOLDING IVS
Contribution nette de l'UE
€ 50 000,00
Indirizzo
Rordams Have 5,2. 3.
2800 Kongens Lyngby
Danimarca

Mostra sulla mappa

Regione
Danmark Hovedstaden Københavns omegn
Tipo di attività
Private for-profit entities (excluding Higher or Secondary Education Establishments)
Contributo di paesi terzi
€ 21 429,00