Skip to main content

CONTRIBUTION OF BIOLOGICAL SOIL CRUSTS TO THE CARBON BALANCE IN DRYLANDS

Article Category

Article available in the folowing languages:

Il ruolo delle croste di terreno biologico negli ecosistemi delle zone aride

I ricercatori europei hanno studiato le croste biologiche del suolo (BSC) per determinare come esse contribuiscono al bilancio del carbonio nelle zone aride dell’Europa.

Economia digitale
Cambiamento climatico e Ambiente
Ricerca di base
Spazio

Le BSC sono comunità di organismi viventi sulla superficie del suolo negli ecosistemi delle zone aride e semiaride, comprendenti, in alcune zone, fino al 70 % della superficie. Anche se possono rappresentare la principale risorsa per il carbonio organico del suolo negli ecosistemi aridi e semi-aridi, il ruolo delle BSC come cause di aumento o diminuzione del carbonio è stato poco studiato. Il progetto finanziato dall’UE BIOSOC (Contribution of biological soil crusts to the carbon balance in drylands) ha studiato il ruolo delle BSC nelle diverse fasi di sviluppo del bilancio del carbonio nelle zone aride e semi-aride. I ricercatori hanno monitorato in situ i flussi di CO2 nelle BSC, a diversi stadi successivi, in un bacino rappresentativo e li hanno correlati a fattori ambientali chiave controllando i tassi di scambio della CO2. I ricercatori hanno misurato la temperatura e l’umidità relativa dell’aria appena sopra la crosta biologica, nonché l’umidità del terreno, la radiazione fotosinteticamente attiva e le precipitazioni. Essi hanno anche mappato la distribuzione dei vari tipi di BSC a differenti fasi successive utilizzando nuove tecniche adattate in modo da coprire vaste aree. Si è misurato il bilancio del carbonio nelle BSC in un piccolo bacino combinando la funzione del flusso di CO2 dai tipi differenti di crosta con la loro copertura spaziale. I risultati mostrano che, a causa delle loro caratteristiche fisiologiche, le croste biologiche nelle terre aride si comportano durante determinati periodi come importanti sink della CO2. Ciò consente loro di essere attive e fotosintetizzare a umidità molto bassa, offrendo un vantaggio fotosintetico rispetto alle piante superiori. Quindi, la disponibilità di acqua è una variabile decisiva per l’attivazione di fotosintesi e respirazione. I risultati hanno rivelato anche l’importante ruolo delle comunità microbiche nel suolo sotto le BSC nel controllo dei flussi di emissione della CO2. La ricerca BIOSOC migliorerà la conoscenza del bilancio del carbonio negli ecosistemi mediterranei e l’importante ruolo che le BSC possono avere come sink del carbonio. I risultati di questo lavoro costituiscono la base per uno strumento per la classificazione regionale delle fasi di sviluppo delle BSC. Questa può essere usato come un indicatore di degrado del suolo, così come per la generazione di un modello del bilancio del carbonio nei suoli incrostati nelle aree più grandi del Mediterraneo.

Parole chiave

Croste biologiche del suolo, terraferma, aridità, suolo di carbonio organico, BIOSOC, Mediterraneo

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione