Skip to main content

A Collective Awareness Platform for Promoting Dark Skies in Europe

Article Category

Article available in the folowing languages:

Far luce sul nostro bisogno di cieli scuri

Ogni notte milioni di luci scintillanti creano un magico baldacchino sopra le nostre teste, ma l’inquinamento luminoso rende difficile se non impossibile per la maggior parte di noi assistervi. Ricercatori finanziati dall’UE stanno promuovendo progetti di base in tutto il mondo per sensibilizzare e creare cambiamenti sul piano delle politiche.

Economia digitale
Società

Più dell’80 % della popolazione mondiale vive sotto cieli inquinati dalla luce. La Via Lattea è nascosta a più di un terzo dell’umanità. Il progetto STARS4ALL, finanziato dall’UE, ha cercato di mettere l’inquinamento luminoso sotto i riflettori, sensibilizzando l’opinione pubblica e incrementando la partecipazione con l’obiettivo finale di modellare nuove politiche. Incubare iniziative di inquinamento luminoso di base (LPI, light pollution initiatives) Oltre a consigliare di spegnere le luci quando non sono necessarie per risparmiare energia elettrica, il dialogo pubblico sull’inquinamento luminoso è minimo. Di conseguenza, molte politiche, in particolare quelle riguardanti l’illuminazione pubblica, ci stanno portando nella direzione sbagliata. Gli impatti dell’inquinamento luminoso su biodiversità, salute umana, astronomia e altro aumenteranno in assenza di campagne dedicate a sensibilizzare e promuovere un senso di responsabilità. In risposta a questa urgente necessità, come spiega il coordinatore del progetto, il professor Oscar Corcho, «STARS4ALL lavora per fornire la tecnologia e le competenze necessarie per incubare LPI locali e globali in tutto il mondo». Oltre alla tecnologia, STARS4ALL ha fornito assistenza per il crowdfunding e offre visibilità a piccole iniziative. Il progetto è passato da 10 LPI iniziali a oltre 30 iniziative attive, superando di gran lunga le aspettative. STARS4ALL supporta le LPI in Africa, Australia, Europa, America Latina, Nuova Zelanda e Stati Uniti. Alcune iniziative erano già operative. Ad esempio, CitiesAtNight monitora l’inquinamento luminoso globale con le immagini scattate dagli astronauti a bordo della Stazione spaziale internazionale. L’analisi delle immagini da parte di scienziati amatoriali fornisce informazioni al di là di ciò che è attualmente disponibile grazie agli strumenti satellitari, in particolare per quanto riguarda le modifiche nelle lunghezze d’onda o nel colore della luce nelle nostre città. La nuova rete fotometrica delle LPI è stata una straordinaria storia di successo. Dopo aver iniziato con circa 100 fotometri distribuiti in tutto il mondo, il team sta ora vendendo i fotometri che ha sviluppato ai cittadini interessati, alle aziende e ad altre organizzazioni che misurano la qualità delle loro notti scure e condividono i dati tramite il portale del fotometro STARS4ALL. Gli ordini hanno superato le aspettative e le entrate stanno sostenendo le attività del consorzio per ulteriori ricerche e iniziative sull’inquinamento luminoso. Oltre all’incubazione delle LPI, STARS4ALL supporta il cambiamento delle politiche. Gli scienziati hanno presentato una petizione al Parlamento europeo a sostegno della necessità di una politica europea in materia di inquinamento luminoso. Su scala ridotta, un’iniziativa è riuscita a far sì che l’argomento diventasse oggetto di discussione durante le recenti elezioni regionali a Madrid. Illuminare la strada STARS4ALL ha istituito la fondazione STARS4ALL, ora riconosciuta a livello internazionale tra i ricercatori dell’inquinamento luminoso. Secondo Corcho, questa organizzazione non profit si concentra sul «garantire che alcuni dei risultati più rilevanti ottenuti nell'ambito di STARS4ALL (hardware and ICT development, as well as open data production and acquisition) possano avere un piano di sostenibilità chiaro per il futuro». La fondazione STARS4ALL ha firmato un accordo di collaborazione con la fondazione STARLIGHT, incentrato sull’astronomia e sulla certificazione di parchi del cielo scuro, fornendo una voce unificata per i ricercatori dell’inquinamento luminoso nei dialoghi con le autorità pubbliche. Si prospetta un futuro radioso per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica in merito all’inquinamento luminoso nonché alla contaminazione chimica e fisica della terra, dei mari e dell’atmosfera.

Parole chiave

STARS4ALL, luce, inquinamento, inquinamento luminoso, fotometro, iniziative di inquinamento luminoso (LPI), politica, politiche, astronomia, illuminazione, dati, di base

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione