Skip to main content

Winning social acceptance for wind energy in wind energy scarce regions

Article Category

Article available in the folowing languages:

Incrementare l’accettazione sociale dell’energia eolica in Europa

Essendosi evoluta da un settore di nicchia in una delle principali tecnologie dell’energia rinnovabile, l’energia eolica è il fattore trainante della transizione energetica dell’UE. A dispetto del suo enorme potenziale, la mancanza di accettazione sociale sta rallentando la messa in campo di progetti di energia eolica.

Energia

L’accettazione sociale di progetti di energia eolica può influenzare sostanzialmente la misura in cui vengono soddisfatti gli obiettivi politici in tema di clima ed energia dell’UE. Tenendo presente questo, il progetto WinWind, finanziato dall’UE, cerca di incrementare l’accettazione pubblica dell’energia eolica in Europa. L’obiettivo del progetto è quello di analizzare, testare e disseminare possibili soluzioni per incrementare il sostegno sociale all’energia eolica. L’attenzione è concentrata su regioni selezionate in Europa dove l’energia eolica è abbondante, ma la penetrazione di mercato è ancora scarsa. Sportelli per i soggetti interessati «I dibattiti sui progetti di energia eolica dimostrano che il coinvolgimento dei soggetti interessati è fondamentale per far progredire l’agenda per l’energia pulita. Il coinvolgimento attivo dei soggetti interessati e procedure di equa partecipazione sono probabilmente gli ingredienti più importanti al fine di trovare una strategia di successo per superare gli ostacoli all’accettazione dell’energia eolica», evidenzia la dott.ssa Maria Rosaria Di Nucci, coordinatrice del progetto. I partner del progetto hanno rafforzato i propri rapporti con i soggetti interessati in differenti paesi attraverso discussioni e workshop che si sono incentrati sugli ostacoli e sui fattori trainanti per quanto concerne uno schieramento dell’energia eolica inclusivo dal punto di vista sociale. Le regioni selezionate includevano Sassonia e Turingia in Germania, Lazio e Abruzzo in Italia, la provincia Varmia-Masuria in Polonia, le Isole Baleari in Spagna, la Norvegia centrale e la Lettonia. Ogni regione ospita uno sportello per i soggetti interessati, responsabile dei compiti operativi del progetto. Tutti assieme, partner del progetto locali, soggetti interessati selezionati e soggetti commerciali hanno identificato i fattori critici che ostacolano l’accettazione sociale dell’energia eolica nelle regioni bersaglio. Questi riguardavano non solo la sfera tecnica, come ad esempio l’intrusione visuale e le dimensioni delle turbine, ma anche l’impatto ambientale e l’equità percepita delle procedure di partecipazione nella pianificazione e nell’attuazione del progetto. Soluzioni su misura Durante lo svolgimento di WinWind, i partner del progetto hanno elaborato molte misure di buone prassi provenienti dai loro stessi paesi per migliorare l’accettazione sociale dell’energia eolica nelle regioni bersaglio. Hanno sviluppato un portfolio contenente un totale di 30 raffigurazioni di buone prassi specifiche per ciascuna regione, prendendo in considerazione le caratteristiche socioeconomiche, spaziali e ambientali da una prospettiva multilivello. Esse possono inoltre fungere da preziosi esempi per la riproduzione in altre zone a livello regionale o persino nazionale. Le misure di buone prassi sono raggruppate in cinque categorie principali, delle quali una include modelli partecipativi innovativi che garantiscono la trasparenza e incoraggiano il coinvolgimento dell’intera comunità nel processo di pianificazione dei progetti eolici. Altre due hanno a che fare con le azioni che affrontano la partecipazione finanziaria diretta e indiretta di comunità e cittadini e con quelle che valutano l’impatto ambientale dei parchi eolici. Una quarta categoria riguarda le misure per condivisione dei benefici e la giustizia distributiva al fine di promuovere l’equa distribuzione dei costi della produzione dell’energia rinnovabile, e l’ultima comprende le strategie per una comunicazione efficace. Prossimi passi «WinWind ha ottenuto un notevole riconoscimento politico in tutti i paesi partecipanti», evidenzia Michael Krug, coordinatore dello sportello tedesco. «In alcuni casi, i partner sono stati invitati da decisori politici nazionali o regionali per fornire raccomandazioni ai processi di formulazione delle politiche in corso». Nei prossimi mesi i partner del progetto svilupperanno principi e criteri guida per uno sviluppo equo e accettabile dell’energia eolica, che dovrebbero fungere da bussola per lo sviluppo di politiche a livello regionale, nazionale e persino europeo. Inoltre, 10 misure di buone prassi trasferibili e una guida per il trasferimento verranno completate da una serie di attività con team di mentori nelle cosiddette regioni in fase di apprendimento.

Parole chiave

WinWind, energia eolica, Europa, accettazione sociale, energia rinnovabile, transizione energetica, sportello per i soggetti interessati, misure di buone prassi, turbina, parco eolico

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione