Skip to main content

Trans-national cooperation among Research Potential NCPs

Article Category

Article available in the folowing languages:

La nuova Europa otterrà un sostegno equilibrato della ricerca

Mentre i paesi fondatori dell'UE hanno una fiorente capacità di ricerca e industria, anche i nuovi paesi devono essere incoraggiati a collaborare e raccogliere i frutti.

Economia digitale

Le comunità di ricerca e industriali sono cresciute di numero all'interno dell'Unione europea, da quando negli ultimi decenni i paesi membri hanno unito le loro forze ed esperienze. Eppure, le regioni ultraperiferiche dell'UE e i nuovi membri non hanno capito i benefici di tale convergenza, almeno non quanto l'abbia capito la "vecchia Europa". Nel suo intento di potenziare queste regioni e paesi, l'UE sta finanziando il progetto Respotnet (Trans-national cooperation among research potential NCPs) per sviluppare le loro capacità di ricerca e industriali. Il progetto vuole rafforzare la rete europea di punti di contatto nazionali (PCN), che hanno esperti europei dedicati in ogni paese per sostenere la partecipazione ai progetti dell'UE. Ciò supporterebbe direttamente le regioni ultraperiferiche e i nuovi paesi europei per migliorare il loro settore della ricerca e industriale, in particolare nell'ambito del Settimo programma quadro. Esporrà inoltre l'Europa a una quantità più elevata di conoscenza e di nuovi input, che andrebbero ad alimentare il settore anche a livello paneuropeo. La nuova rete sta fornendo informazioni e sostegno integrati alle organizzazioni di ricerca per la presentazione di proposte competitive, la ricerca di partner, la promozione dei risultati di ricerca in tutta Europa e la richiesta di finanziamenti. Sta anche potenziando la formazione, l'analisi comparativa e le attività di tutoraggio per i PCN con esperienza, per aumentare il livello e la disponibilità di informazioni e assistenza in tutta Europa. Respotnet ha già intrapreso attività di formazione e favorito lo scambio di buone prassi tra i vari punti di contatto nazionali. Sono state sviluppate attività congiunte di formazione e divulgazione con altre reti di PCN e sono stati ulteriormente arricchiti gli strumenti standard per il consolidamento delle conoscenze e dell'esperienza di tutti i PCN. È stato correttamente installato un meccanismo per aiutare i partner di ricerca o industriali: il "Partner search facilitator" (facilitatore di ricerca di partner). La collaborazione con un'altra iniziativa dell'UE per liberare il potenziale di ricerca - chiamata Regpot - è stata determinante nel contribuire allo sviluppo di una banca dati utile per 74 organizzazioni provenienti dalle regioni in questione. Inoltre, si sono svolti importanti workshop nell'ambito del progetto Respotnet, che è stato attivamente promosso in occasione di eventi europei di alto livello. Nel complesso, Respotnet auspica di migliorare la coerenza dei servizi dei PCN in tutta Europa, semplificare l'accesso ai bandi del 7° PQ, agevolare l'ingresso per i nuovi arrivati e aumentare la qualità delle proposte presentate per i bandi "Potenziale di ricerca". Dal punto di vista della ricerca e dell'industria, questo contribuirà indubbiamente a far integrare i nuovi paesi europei e quelli convergenti sulla zona euro nella grande Europa. Darà loro la spinta necessaria e una calorosa accoglienza economica.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione