Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Capsule innovative ed ecoefficienti per rivoluzionare la lotta antiparassitaria nelle colture di patate

Il progetto INBIOSOIL, finanziato dall’UE, ha sviluppato un nuovo metodo ecocompatibile per combattere le larve di elateridi nelle coltivazioni di patate sia tradizionali sia biologiche.

Il nuovo metodo di disinfestazione antiparassitaria prevede l’utilizzo di capsule speciali chiamate ATRACAP, che contengono un ceppo di fungo entomopatogeno che attacca determinati parassiti e possono quindi ridurre l’utilizzo di pesticidi chimici nelle aziende agricole europee. L’azienda BIOCARE, in Bassa Sassonia, Germania, ha appena iniziato la produzione di queste capsule, che nel 2016 copriranno un’area di circa 300 ettari. “Siamo sopraffatti da domande da parte degli agricoltori disposti a usare il prodotto nei campi, pertanto aumenteremo la sua produzione,” ha fatto sapere il prof. Dr. Stefan Vidal, coordinatore del progetto INBIOSOIL. “Ci attendiamo che ATRACAP diventerà una strategia di controllo standard, sia per le colture biologiche che per quelle tradizionali,” ha aggiunto. Combattere le larve di elateridi Le capsule intervengono contro gli elateridi – attualmente considerati il problema più urgente nella produzione di patate sia tradizionale sia biologica. “Contengono composti non sintetici che possono essere usati sia nei sistemi di coltivazione biologica che in quelli tradizionali. La strategia ‘attrai e uccidi’ (Attract & Kill), basata su queste capsule, sostituirà l’impiego di insetticidi chimiche sintetiche,” ha spiegato Vidal. Il lancio di queste capsule è davvero tempestivo in quanto, ad oggi, non sono pressoché disponibili composti sintetici specifici per combattere le larve di elateridi. In passato nelle coltivazioni tradizionali veniva usato il Fipronil, conosciuto in commercio come Goldor® Bait, un prodotto della BASF. Tuttavia, la Commissione europea ha introdotto una moratoria sui prodotti sospettati di avere un ruolo nella sindrome dello spopolamento degli alveari (SSA, in inglese CCD, ovvero “Colony Collapse Disorder”). Benché le agenzie di registrazione nazionali permettano l’approvazione di casi di emergenza per questo prodotto, la BASF non l’ha richiesta. I costi economici dell’infiltrazione delle larve di elateridi e il rispetto degli standard ambientali dell’UE Le colture di patate tradizionali affrontano attualmente problemi economici a causa della scarsa qualità delle patate danneggiate dalle larve di elateridi. Anche i coltivatori di patate biologiche registrano tuttavia notevoli danni economici dovuti allo stesso parassita. “Benché non siano disponibili dati affidabili sull’impatto economico delle larve di elateridi sulle colture, le organizzazioni di coltivatori di vari paesi europei sono pronte a introdurre questa nuova strategia di disinfestazione antiparassitaria semplicemente perché funziona,” ha spiegato Vidal. Inoltre, il costo delle capsule ATRACAP è simile a quello del Goldor® Bait, quindi anche i coltivatori tradizionali sono disposti ad applicarle nei loro campi, ha sottolineato Vidal. La sostanza attiva nelle capsule è un isolato di fungo entomopatogeno, che è naturalmente presente nei terreni coltivabili di tutto il mondo. La natura al 100 % biologica della strategia la rende completamente compatibile con gli obiettivi ambientali dell’UE. Inoltre, le spore del fungo sono applicate nel terreno, limitandone la dispersione passiva indesiderata. Questo riduce le interazioni con gli organismi alla superficie, come ad esempio le api. Inoltre, i lombrichi non sono attratti dalle capsule. I prossimi passi del progetto Secondo Vidal, il progetto INBIOSOIL si è svolto anche meglio del previsto. L’idea di partenza, tuttavia, era di combattere anche altri parassiti del suolo, come le larve della diabrotica del mais, attraverso lo stesso approccio “attrai e uccidi”. “I dati sperimentali di laboratorio e sul campo non hanno fornito sufficienti risultati di controllo; stiamo quindi attualmente modificando la composizione delle capsule per controllare meglio le altre specie di parassiti. Un altro parassita obiettivo delle capsule ATRACAP è la mosca del cavolo (Delia radicum),” ha detto Vidal. La tecnologia sviluppata da INBIOSOIL verrà usata in futuro come base per sviluppare prodotti di disinfestazione antiparassitaria più ecocompatibili. “Sono state presentate varie proposte per ottenere finanziamenti per queste innovazioni,” ha concluso Vidal. Per maggiori informazioni, consultare: Sito web del progetto INBIOSOIL

Paesi

Germania

Articoli correlati