Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Kit ad alta tecnologia promettono un soccorso rapido ed efficace in caso di emergenza

Sono stati progettati nuovi kit di emergenza per aiutare le organizzazioni di soccorso a rispondere più velocemente alle catastrofi di vaste proporzioni, per salvare potenzialmente molte più vite umane.

Sviluppati attraverso il progetto finanziato dall’UE SPEEDKITS, questi kit economici, modulari e facili da usare, che offrono supporto al primo soccorso in termini di riparo, assistenza sanitaria, acqua potabile, servizi igienici e bisogni energetici di base, consentiranno agli operatori umanitari di fornire un aiuto rapido ed efficace in caso di catastrofe. I kit sono stati personalizzati per affrontare delle emergenze specifiche, e miglioreranno le vite di milioni di persone durante le prime ore, giornate e settimane dopo una grave calamità. Essi possono essere impiegati con breve preavviso nelle città colpite, in campi improvvisati o in regioni rurali sparse. Dimostrazioni in Senegal e Sudafrica Le innovative soluzioni per ripari e tende del progetto sono state recentemente dimostrate nella regione settentrionale del Senegal. Gli alloggi di emergenza includono un “tetto intelligente” (un riparo sicuro ultra leggero per una famiglia) e una “Casa progressiva” (un riparo per famiglie composte da un massimo di cinque persone). Una tenda deposito modulare è stata inoltre allestita presso la locale sede centrale della Croce Rossa senegalese. L’impiego di questi prototipi ha consentito al consorzio di raccogliere preziose informazioni e di mettere a punto le soluzioni prima di immettere i kit sul mercato. Sono stati inoltre sviluppati dei kit più grandi per l’uso immediato non destinati al pronto soccorso critico, come ad esempio unità per servizi igienici, generazione sostenibile di energia e unità mobili per il riciclo dei detriti. I kit per i servizi igienici includono una latrina rialzata ripiegabile per i casi di emergenza e un kit semi-manuale di trivellazione per l’acqua. Un’altra innovazione interessante include un’unità di pastorizzazione per il biogas per il trattamento fuori sede delle acque di scarico e un kit di smaltimento per pastorizzare i liquami subito prima dello sversamento. Questo kit è stato recentemente testato in una comunità agricola nella regione del Capo in Sudafrica. Il kit è stato montato con successo nel giro di due ore. In parallelo, sono stati compiuti dei progressi verso la progettazione di un ospedale autonomo veloce da schierare e di uso immediato in grado di gestire tra 80 e 120 persone, completo di stanze igieniche e impianti fondamentali. Migliorare le infrastrutture per le emergenze Il progetto si basa sulle esistenti procedure di soccorso in caso di calamità. Organizzazioni umanitarie come la Croce Rossa hanno delle unità di risposta alle emergenze (ERU) dormienti, che vengono messe in atto immediatamente in caso di disastro. Ogni ERU ha una funzione specifica, ad esempio assistenza sanitaria, servizi igienici, fornitura di energia o approvvigionamento idrico. Il progetto SPEEDKITS ha cercato di migliorare la fornitura di tali infrastrutture di emergenza valutando per prima cosa le attuali soluzioni per le attrezzature e identificando le sfide chiave, come ad esempio i colli di bottiglia nella distribuzione e il peso. Sono stati quindi sviluppati nuovi materiali e concetti per ridurre drasticamente volume e peso, rendendo più facile il trasporto. Esempi di successo includono materiali per tende leggeri ma durevoli e isolati termicamente, nuovi concetti per la fornitura energetica (biogas dai servizi igienici), tessuti per foderare le latrine a fossa e imballaggi più intelligenti (le unità più piccole sono state progettate per entrare in quelle medie, che vengono poi messe in quelle più grandi, come una matriosca). Poiché le unità di risposta alle emergenze devono essere sul campo il prima possibile, garantire che i kit siano facili da trasportare e installare risulta fondamentale. Il progetto SPEEDKITS è stato guidato dalla Croce Rossa e ha coinvolto esperti in ingegneria strutturale e dei materiali, progettazione industriale e architettura. Le nuove unità non solo salveranno delle vite nei primi giorni e nelle prime settimane dopo un disastro, ma pianteranno anche i semi per la ricostruzione per le generazioni future. Per ulteriori informazioni, visitare: Sito web del progetto SPEEDKITS

Paesi

Belgio

Articoli correlati