Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Perdite di cereali? Una kit di strumenti intelligente per salvaguardare la filiera alimentare

Un’iniziativa dell’UE ha compiuto progressi considerevoli nell’affrontare le sostanze velenose che contaminano le colture.

Alimenti e Risorse naturali

Le micotossine, composti tossici prodotti da diversi tipi di funghi, continuano a essere una delle maggiori preoccupazioni a livello globale. Le muffe che possono produrre micotossine crescono su vari alimenti, tra cui cereali, frutta secca, noci e spezie, spesso in condizioni calde e umide. Esse rappresentano una minaccia per la salute umana e animale e provocano anche enormi perdite agricole e industriali ogni anno. Gli effetti avversi di queste sostanze di origine alimentare vanno dall’avvelenamento acuto alla deficienza immunitaria, fino al cancro. Strategie efficaci di mitigazione delle micotossine sono fondamentali per la sicurezza degli alimenti e dei mangimi, nonché per la sostenibilità economica. Il progetto MyToolBox, finanziato dall’UE, mira a realizzare proprio questo obiettivo, proponendosi di risparmiare decine di milioni di euro all’anno grazie a riduzioni delle perdite di raccolto e dell’esposizione alimentare alle micotossine. Un articolo riassume i principali risultati del progetto a partire dal suo lancio, avvenuto nel 2016: «Una massiccia riduzione del carico di micotossine in DDGS [distillers’ dried grains with solubles, borlande essiccate di distilleria con solubili], l’indicazione mediante sensori a led di eventuali contaminazioni da tossine di cereali in silos e un biocontrollo notevolmente potenziato dello sviluppo di aflatossine nei campi». Uso alternativo di colture contaminate In un video pubblicato nello stesso articolo, il coordinatore del progetto, il prof. Rudolf Krska, afferma che il team di MyToolBox persegue un approccio dal campo alla forchetta, «ma al di là di questo teniamo in considerazione anche opzioni di utilizzo sicuro per i lotti contaminati», aggiunge. Il prof. Krska osserva inoltre che, in collaborazione con il partner del progetto BIOMIN Holding GmbH, il team è stato in grado di ridurre l’elevata presenza di micotossine nella produzione di biocarburanti e sottoprodotti della fermentazione come le DDGS utilizzate nei mangimi per animali. L’articolo sottolinea che «[…] nei sottoprodotti della produzione di bioetanolo, le DDGS rappresentano un prezioso ingrediente per mangimi, in particolare sostituendo costosi mangimi proteici a un prezzo competitivo per l’industria e gli agricoltori». Come risultato delle DDGS prive di micotossine e di elevata qualità potrebbe verificarsi un aumento delle entrate per il settore del bioetanolo. Secondo il prof. Krska, gli allevatori di bestiame potrebbero vedere miglioramenti della salute e delle prestazioni degli animali. Allerta precoce Per quanto riguarda la gestione dei silos, i partner del progetto hanno prodotto sensori che misurano temperatura, umidità e CO2 che potrebbero essere utilizzati, insieme ai modelli sviluppati dall'Università di Cranfield, per prevedere l’infezione da funghi nei silos di cereali. Ciò potrebbe fornire ai «gestori di silos un sistema di allerta precoce sui livelli potenzialmente elevati di micotossine», aggiunge l’articolo. Il progetto MyToolBox (Safe Food and Feed through an Integrated ToolBox for Mycotoxin Management) in atto è stato creato per sviluppare misure pre e post raccolta per la riduzione della contaminazione da micotossine lungo l’intera filiera alimentare e dei mangimi in una piattaforma basata sul web. Si concentra su cereali di piccole dimensioni, mais, arachidi e fichi secchi che sono rilevanti per le condizioni agricole nell’UE e in Cina. Un opuscolo sul sito web del progetto afferma che inizialmente «lo strumento è stato sviluppato per fornire consigli di pre-raccolto all’agricoltore, e progressivamente lo strumento sarà esteso per fornire consulenze interattive per lo stoccaggio dei cereali, e quindi consigli sulle nuove tecniche di molitura per ridurre al minimo il trasferimento di micotossine agli alimenti destinati all’uomo». Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto MyToolBox

Paesi

Austria

Articoli correlati