Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La mobilità dell’idrogeno dall’energia pulita sta acquistando importanza in Europa

Un sito di rifornimento dell’idrogeno in Francia sta facendo grandi passi avanti nel fornire trasporti privi di emissioni.

Trasporti e Mobilità

Sebbene il lancio di massa di veicoli elettrici a celle a combustibile sia ancora lontano, negli ultimi anni si sono intensificati gli sforzi per rendere popolari le automobili alimentate a idrogeno. Con le ambizioni dell’Europa di diventare leader nella mobilità a emissioni zero nella transizione verso un sistema energetico pulito e a basse emissioni di carbonio, diversi paesi stanno installando stazioni di rifornimento dell’idrogeno (HRS). Nel suo tentativo di creare la più grande rete di HRS al mondo, il progetto H2ME, finanziato dall’UE, continua a testare soluzioni che offrano alternative praticabili e competitive ai combustibili fossili a livello regionale, nazionale e paneuropeo. Una stazione di rifornimento nel distretto francese di Sarreguemines è recentemente entrata in scena, grazie ai progressi nella dimostrazione della generazione di idrogeno in loco mediante elettrolisi. Christian Hector, responsabile del servizio tecnico di Cofluences e iniziatore del progetto FaHyence che fa parte di H2ME, riassume lo scopo dell’installazione nell’edizione inglese di «The Conversation». «Lo scopo era quello di testare la mobilità elettrica in un contesto transfrontaliero, nonché convalidare l’affidabilità tecnica di una stazione di gas idrogeno in combinazione con una cella elettrolitica sul campo». Tempi di riempimento In base a un comunicato stampa del partner di progetto McPhy, FaHyence, lanciata ad aprile 2017, è la prima stazione di rifornimento in Francia in grado di produrre idrogeno in loco e su richiesta da fonti rinnovabili. Con una capacità giornaliera di 40 kg, che copre circa 25 veicoli con pressioni di ricarica di 350-420 bar, la stazione intende contribuire alla mobilità transfrontaliera dell’idrogeno con la Germania e il Benelux. Il rifornimento di carburante è completato in pochi minuti, come indicato nello stesso comunicato stampa. L’articolo di «The Conversation» afferma: «Rispetto alle ore di ricarica necessarie per i veicoli elettrici convenzionali a batteria, i quattro minuti necessari a riempire il serbatoio di un veicolo con idrogeno sembrano essere più che accettabili». Altre stazioni in arrivo Lo stesso articolo mette in evidenza altri HRS in Francia, tra cui un sito a Grenoble, operativo dal 2018 con il progetto HyWay e altri in costruzione a Rodez e Nantes. Oltre alla Francia, le iniziative del progetto H2ME (Hydrogen Mobility Europe) coinvolgono la Germania, il Regno Unito e la Scandinavia. La prima fase quinquennale del progetto H2ME è stata lanciata nel 2015, seguita dalla seconda fase H2ME 2 (Hydrogen Mobility Europe 2) presentata nel 2016. Un documento pubblicato sul sito web del progetto che riassume i suoi risultati afferma che durante le due fasi verranno schierati oltre 1 400 veicoli e più di 45 HRS. Secondo lo stesso documento, nonostante la limitata copertura infrastrutturale, lo spiegamento di tali stazioni in Europa continua ad un ritmo crescente. Tuttavia, indica anche i ritardi nell’installazione di HRS a causa delle procedure di autorizzazione vincolate a diversi regolamenti, codici e standard in tutta Europa. Il documento suggerisce che sono necessari ulteriori ricerche e sviluppi nella catena di distribuzione HRS in settori quali la tecnologia di misurazione e i pezzi di ricambio. Le iniziative H2ME sono sostenute dal partenariato pubblico-privato dell’UE con l’impresa comune «Celle a combustibile e a idrogeno». Per maggiori informazioni, consultare: sito web del progetto H2ME

Paesi

Regno Unito

Articoli correlati