Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Liikanen e Busquin assistono alla presentazione del gruppo consultivo aerospaziale

Il 6 luglio, la seduta inaugurale di un nuovo gruppo consultivo europeo, denominato "STAR 21", ha visto la partecipazione dei commissari Erkki Liikanen e Philippe Busquin, dei presidenti di sei importanti aziende aerospaziali europee e dei rappresentanti di altri tre Commissar...

Il 6 luglio, la seduta inaugurale di un nuovo gruppo consultivo europeo, denominato "STAR 21", ha visto la partecipazione dei commissari Erkki Liikanen e Philippe Busquin, dei presidenti di sei importanti aziende aerospaziali europee e dei rappresentanti di altri tre Commissari. Il gruppo è stato creato su iniziativa dell'industria aerospaziale. I membri, che comprendono alti funzionari del settore privato e di istituzioni europee, esamineranno le possibilità di modernizzare o aggiornare il quadro normativo e politico europeo, allo scopo di mantenere il passo con il rapido cambiamento economico e tecnologico che sta caratterizzando l'industria aerospaziale. "Durante i prossimi mesi, cercheremo di individuare i settori in cui potrebbe rendersi necessario un cambiamento", ha affermato Erkki Liikanen, commissario per le Imprese e la Società dell'informazione, il quale ha sottolineato: "Siamo lieti di operare per un settore che ha dimostrato, in modo tanto impressionante, la sua forza e la sua competitività sui mercati globali". "I risultati tecnologici e la posizione competitiva, conquistata dall'industria aerospaziale europea sul mercato mondiale, dimostrano la forza della nostra collaborazione in materia di ricerca e sviluppo", ha aggiunto il commissario per la Ricerca Philippe Busquin, il quale ha affermato: "È nostro compito, presso la Commissione, cercare di capire come potenziare ulteriormente la base scientifica in Europa, migliorando le condizioni in cui si trova a operare l'industria aerospaziale". Il gruppo si occuperà di una serie di tematiche, tra cui le strutture di ricerca, le sfide ambientali, le limitazioni potenziali alla crescita, le pratiche di sostegno e il funzionamento dei mercati. "STAR 21" presenterà i suoi risultati alla Commissione, al Consiglio dei Ministri ed all'Europarlamento nel 2002.