Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Invito a presentare proposte nel settore "Sostegno scientifico alle politiche"

La Commissione europea ha pubblicato un invito a presentare proposte nel settore "Sostegno scientifico alle politiche" nell'ambito dell'attività "Sostegno alle politiche e anticipazione delle esigenze scientifiche e tecnologiche" del Sesto programma quadro. Si tratta di uno de...

La Commissione europea ha pubblicato un invito a presentare proposte nel settore "Sostegno scientifico alle politiche" nell'ambito dell'attività "Sostegno alle politiche e anticipazione delle esigenze scientifiche e tecnologiche" del Sesto programma quadro. Si tratta di uno dei settori previsti dal programma specifico "Integrare e rafforzare lo Spazio europeo della ricerca (SER)". L'invito riguarda settori nell'ambito di tre priorità diverse: Gestione sostenibile delle risorse naturali europee: - modernizzazione e sostenibilità dell'agricoltura e della silvicoltura compreso il loro ruolo multifunzionale per assicurare lo sviluppo sostenibile e la promozione delle zone rurali (settore 8.1.B.1.1 del programma di lavoro); - strumenti e metodi di valutazione per una gestione sostenibile dell'agricoltura e della silvicoltura (settore 8.1.B.1.2 del programma di lavoro); - modernizzazione e sostenibilità della pesca, inclusi i sistemi di produzione mediante acquicoltura (settore 8.1.B.1.3 del programma di lavoro); - metodi di produzione nuovi e più rispettosi dell'ambiente per migliorare la salute e il benessere degli animali compresa la ricerca sulle zoonosi, quali l'afta epizootica e la peste suina, e lo sviluppo di vaccini marcatori (settore 8.1.B.1.4 del programma di lavoro); - valutazione ambientale (suolo, acqua, aria, rumore, inclusi gli effetti di sostanze chimiche) (settore 8.1.B.1.5 del programma di lavoro); - valutazione di tecnologie ambientali a sostegno delle decisioni politiche, in particolare per quanto concerne tecnologie efficaci e a basso costo nel contesto dell'adempimento della legislazione ambientale (settore 8.1.B.1.6 del programma di lavoro). Garantire la salute e la sicurezza e offrire opportunità ai cittadini europei: - determinanti della salute e fornitura di servizi pensionistici e cure sanitarie sostenibili e di elevata qualità (in particolare nel contesto dell'invecchiamento della popolazione e dell'evoluzione demografica) (settore 8.1.B.2.1 del programma di lavoro); - questioni inerenti alla salute pubblica, tra cui epidemiologia a sostegno della profilassi e reazioni di fronte a patologie nuove, rare e trasmissibili, allergie, procedure sicure per il dono di organi e sangue, metodi di sperimentazione non animale (settore 8.1.B.2.2 del programma di lavoro); - impatto dei problemi ambientali sulla salute (sicurezza sul luogo di lavoro, metodi per la valutazione dei rischi e attenuazione dei rischi di catastrofi naturali che colpiscono la popolazione) (settore 8.1.B.2.3 del programma di lavoro); - questioni relative alla qualità della vita dei portatori di handicap/disabili (ivi comprese le strutture che consentono la parità di accesso) (settore 8.1.B.2.4 del programma di lavoro); - questioni connesse con la protezione civile (compresa la sicurezza biologica e la protezione da attacchi terroristici), e la gestione delle crisi (settore 8.1.B.2.7 del programma di lavoro). Sostenere il potenziale economico e la coesione di un'Unione europea più estesa e più integrata: - sviluppo di strumenti, indicatori e parametri operativi per valutare le prestazioni (economiche, ambientali e sociali) di un sistema di trasporti ed energetico sostenibile (settore 8.1.B.3.2 del programma di lavoro); - analisi della sicurezza globale e sistemi di convalida per il trasporto e la ricerca, correlati ai rischi di incidenti e la sicurezza dei sistemi di mobilità (settore 8.1.B.3.3 del programma di lavoro); - attività di previsione e sviluppo di politiche innovative per garantire lo sviluppo sostenibile a medio e lungo termine (settore 8.1.B.3.4 del programma di lavoro); - questioni riguardanti la società dell'informazione (quali la gestione e la tutela dei patrimoni digitali, l'accesso per tutti alla società dell'informazione) (settore 8.1.B.3.5 del programma di lavoro); - tutela del patrimonio culturale e relative strategie di conservazione (settore 8.1.B.3.6 del programma di lavoro). Nello specificare gli strumenti da utilizzare in questi settori, l'invito richiede: azioni di coordinamento, azioni di sostegno specifico e progetti di ricerca specifici mirati. Si consiglia ai proponenti di consultare il testo completo dell'invito all'indirizzo sottoindicato per identificare gli strumenti specifici richiesti per ciascun settore. Il bilancio indicativo globale per questo invito ammonta a 83,1 milioni di euro.Per consultare il testo dell'invito visitare: http://fp6.cordis.lu/fp6/call_details.cfm?CALL_ID=83