Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

I progetti del 6PQ contribuiscono a rafforzare l'eccellenza europea nella ricerca sul cancro

Per contrassegnare la Settimana europea contro il cancro, la Commissione europea ha annunciato il finanziamento di 19 nuovi progetti nel settore della ricerca oncologica, per un valore complessivo di 100 milioni di euro. I progetti, finanziati nell'ambito della priorità "Scie...

Per contrassegnare la Settimana europea contro il cancro, la Commissione europea ha annunciato il finanziamento di 19 nuovi progetti nel settore della ricerca oncologica, per un valore complessivo di 100 milioni di euro. I progetti, finanziati nell'ambito della priorità "Scienze della vita, genomica e biotecnologie per la salute" del Sesto programma quadro (6PQ), riguarderanno ricerche su settori quali il legame tra genomica e cancro, lo sviluppo di tecniche di imaging e di radioterapia, e la sperimentazione clinica sul cancro al seno e la leucemia, contribuendo alla creazione di biobanche e registri oncologici. La maggior parte dei progetti selezionati per il finanziamento utilizza i nuovi strumenti del 6PQ: i progetti integrati e le reti di eccellenza. Nel giudicare positivamente questa tendenza, il commissario europeo per la Ricerca Philippe Busquin ha dichiarato che gli investimenti di 400 milioni di euro nella ricerca sul cancro, previsti per i prossimi quattro anni, daranno frutti solo se i ricercatori e gli enti di finanziamento di tutta l'Europa saranno pronti a collaborare. "I singoli Stati membri non possono operare in maniera isolata e la ricerca europea sul cancro soffre troppo spesso di una duplicazione degli sforzi e di una mancanza di massa critica. Come in altri settori della scienza, uno Spazio europeo della ricerca mirato allo studio del cancro svolgerà un ruolo fondamentale per tradurre nel più breve tempo possibile le conquiste della ricerca in diagnosi precoci e terapie efficaci per il paziente e i progressi di laboratorio in miglioramenti nel campo clinico", ha aggiunto Busquin. Nel settore della genomica sono stati finanziati complessivamente sei progetti. Due di questi sono progetti integrati, che si serviranno delle più innovative tecnologie oncogenomiche per individuare i nuovi geni del cancro e per studiarne il ruolo nell'evoluzione della malattia, e i restanti quattro cercheranno di comprendere il ruolo delle molecole come potenziali obiettivi dei nuovi farmaci finalizzati ad alterare lo sviluppo del cancro. Sono stati altresì selezionati tre progetti destinati a sviluppare nuove sonde per l'imaging e a convalidare gli strumenti di supporto per la diagnosi dei tumori cerebrali. Si auspica che le tecniche avanzate di imaging e di radioterapia possano favorire la diagnosi e il trattamento precoci di vari tipi di tumore, fra cui quello al polmone, al seno e alla prostata. Per ciò che concerne l'elaborazione di nuove terapie, sono state prescelte due reti per svolgere prove cliniche su potenziali trattamenti contro il cancro al seno e la leucemia. Inoltre, è in programma la creazione di una rete di eccellenza che colleghi le biobanche e i registri oncologici, la quale svolgerà una funzione strumentale per l'elaborazione e la valutazione dei trattamenti e della prevenzione del cancro. All'inizio dell'anno prossimo, saranno annunciati due ulteriori inviti a presentare proposte che riguarderanno settori quali i test preclinici, le nuove terapie, il cancro nelle popolazioni a rischio elevato, il cancro e il fattore familiare, i tipi rari di cancro, il controllo immunologico dei tumori, nonché la rilevazione molecolare e la terapia della malattia minima.