Skip to main content

Article Category

Article available in the folowing languages:

I settori ad alta intensità energetica possono far parte della transizione verso regimi a più basse emissioni di carbonio

Alcuni ricercatori finanziati dall’UE hanno dimostrato come la tecnologia di cattura del carbonio possa essere utilizzata dagli impianti energetici e da altri settori per ridurre le emissioni. Ciò che rende questa innovazione particolarmente attraente è che il costo dell’installazione può essere compensato attraverso la creazione di nuovi flussi di entrate.

Tecnologie industriali

Il progetto MefCO2 (Synthesis of methanol from captured carbon dioxide using surplus electricity) ha installato la tecnologia di cattura e utilizzo del carbonio (CCU) esistente in una centrale carboelettrica in Germania. Questa tecnologia intrappola le emissioni di CO2 e le combina con l’idrogeno in un processo alimentato da energia rinnovabile, producendo metanolo, una sostanza chimica industriale che può essere miscelata direttamente con benzina o utilizzata come elemento costitutivo per altri prodotti chimici come la formaldeide. Non solo questa tecnica riduce la quantità di CO2 rilasciata nell’atmosfera, ma crea anche una potenziale nuova opportunità di business. «Abbiamo dimostrato che la CCU può essere economicamente percorribile», afferma il coordinatore del progetto Angel Sánchez-Díaz, di I-Deals Innovation & Technology Venturing Services, Spagna. «Siamo stati in grado di rafforzare la fattibilità della cattura del carbonio da una prospettiva economica utilizzando l’idrogeno verde per produrre una sostanza chimica ad alto valore industriale». La tecnologia CCU, afferma Sánchez, può aiutare altre industrie ad alta intensità energetica, come quella siderurgica, nella transizione verso regimi a più basse emissioni di carbonio. Favorire ulteriori flussi di entrate da sottoprodotti industriali come questo è anche in linea con il concetto proprio dell’economia circolare di trasformare i rifiuti in nuovi prodotti a valore aggiunto. Sfide industriali Mentre raggiungere gli obiettivi climatici dell’Europa richiederà significative riduzioni delle emissioni industriali, l’accesso all’energia a basso costo è importante per garantire la competitività. Il progetto MefCO2 ha dimostrato che l’industria europea può essere sia più ecologica che più competitiva e quindi far parte della transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio. «Dimostrare che la tecnologia CCU può fornire risultati in ambienti altamente industrializzati e complessi è estremamente importante», afferma Sánchez. «Il settore dell’energia e altri settori industriali ad alta intensità energetica, come quello siderurgico, sono sottoposti a un’enorme pressione per ridurre la loro impronta di carbonio». Sebbene un partner del progetto avesse dimostrato in precedenza che la tecnologia CCU poteva funzionare su una scala più piccola in Islanda, trasferire il concetto in Germania si è rivelato scoraggiante. «Osserviamo le sfide che affronta la Germania», afferma Sánchez. «Il paese è impegnato a sbarazzarsi dell’energia nucleare, concentrandosi sulle energie rinnovabili e raggiungendo gli obiettivi climatici, rimanendo allo stesso tempo competitivo sul piano industriale. Inoltre deve fare i conti con il fatto che le centrali carboelettriche sono ancora necessarie». Transizione verso regimi a più basse emissioni di carbonio All’avvio del progetto, la tecnologia doveva in primo luogo essere adattata per soddisfare le esigenze dello specifico impianto energetico e poi essere integrata con la rete elettrica. Fu sviluppato un catalizzatore per aumentare l’efficienza di sintesi del metanolo. «Volevamo davvero creare un caso realistico per CCU», afferma Sánchez. «La sfida era dimostrare la tecnologia in condizioni di lavoro realistiche». Con l’impianto pilota installato e funzionante, il consorzio metterà insieme un percorso tecnologico («technology roadmap»). «Si tratta di come possiamo ulteriormente potenziare la tecnologia e rendere possibile lo sviluppo di impianti di dimensioni simili a MefCO2», afferma Sánchez. «Vediamo i risultati di questo progetto solo come il primo capitolo di una storia che è appena iniziata, e i partner di MefCO2 continueranno a collaborare per sviluppare questa tecnologia». In effetti, la promozione della cooperazione è stata un sottoprodotto di successo di questo progetto. «Quando crei il giusto ambiente di lavoro con diversi partner in tutta Europa, non persegui solo un obiettivo comune, ma sviluppi un quadro per iniziative future», osserva Sánchez. «Senza i finanziamenti europei questo non sarebbe stato possibile, perché le imprese e l’industria hanno bisogno di incentivi. Questo progetto ha riunito gli ingredienti e le condizioni giuste per realizzare tutto ciò».

Parole chiave

MEFCO2, energia, emissioni, idrogeno, metanolo, CCU, tecnologia, carbone

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione