Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

In passato la Groenlandia era davvero verde, rivelano gli scienziati

La Groenlandia in passato era realmente verde, secondo quanto emerge da una nuova ricerca che dimostra che gli altopiani meridionali del paese ospitavano una lussureggiante foresta boreale. Il lavoro, finanziato in parte a titolo del programma comunitario Marie Curie, è pubb...

La Groenlandia in passato era realmente verde, secondo quanto emerge da una nuova ricerca che dimostra che gli altopiani meridionali del paese ospitavano una lussureggiante foresta boreale. Il lavoro, finanziato in parte a titolo del programma comunitario Marie Curie, è pubblicato nell'ultimo numero della rivista «Science». Gli scienziati sono pervenuti alle loro conclusioni dopo avere analizzato il DNA antico proveniente dalla base di una carota di ghiaccio prelevata nel sito Dye 3 nella Groenlandia meridionale. I campioni hanno rivelato la presenza nel sito di alberi quali ontani, abeti rossi, pini e tassi, nonché di invertebrati, quali coleotteri, mosche, ragni, farfalle e tarme. I campioni sono stati datati fra i 450 000 e gli 800 000 anni fa, costituendo così il più antico DNA autenticato finora rinvenuto. «Analizzare vecchie biomolecole provenienti dagli strati sotto i ghiacciai e dalle calotte di ghiaccio è difficile a causa delle bassissime concentrazioni, ma le informazioni valgono gli sforzi», ha commentato il dottor Enrico Cappellini dell'Università di York, uno degli autori dell'articolo. Conoscendo i limiti ambientali delle piante individuate, i ricercatori ritengono che le temperature medie di luglio devono essere state superiori a 10 °C, mentre le temperature invernali potrebbero non essere state inferiori ai - 17 °C. «Questi risultati ci consentono di operare una ricostruzione ambientale più accurata del periodo di tempo dal quale questi campioni sono stati prelevati, e adesso abbiamo appreso che questa parte del mondo era molto più calda di quanto la maggior parte di noi pensasse», ha osservato il dottor Martin Sharp dell'Università di Alberta. Questa antica foresta artica è scomparsa e il suolo è stato coperto da una coltre di ghiaccio quando le temperature si sono abbassate durante la successiva glaciazione. Tuttavia, quando circa 116 000-130 000 anni fa le temperature sono di nuovo aumentate, lo strato di ghiaccio è rimasto intatto, anche se durante quel periodo la temperatura era superiore di 5 °C rispetto a oggi. «Se i nostri dati sono corretti, questo significa che la calotta di ghiaccio della Groenlandia meridionale è più stabile di quanto ritenuto in precedenza», ha commentato il professore Eske Willerslev dell'Università di Copenaghen, che ha diretto lo studio. «Questo può avere implicazioni sul modo in cui gli strati di ghiaccio rispondono al riscaldamento globale.» Tuttavia, il professore Willerslev è pronto ad osservare che questo non significa che dovremmo smettere di preoccuparci dell'innalzamento del livello del mare provocato dal riscaldamento globale. «Sappiamo che, durante l'ultimo periodo interglaciale, i livelli del mare si sono innalzati da cinque a sei metri, ma ciò deve essere dipeso da altri fonti aggiuntive rispetto alla calotta di ghiaccio della Groenlandia, ad esempio il ghiaccio antartico», osserva. «Mi sento di affermare che sebbene la Terra si riscaldi a causa del cambiamento climatico provocato dall'uomo, l'innalzamento dei livelli del mare continuerà ad essere provocato da queste fonti.»

Articoli correlati