Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

In continuo aumento la spesa per R&S delle aziende europee

Secondo il quadro di valutazione degli investimenti industriali europei nella R&S ("Industrial R&D Investment Scoreboard") che è stato appena pubblicato, le aziende europee stanno incrementando i loro investimenti in ricerca e sviluppo (R&S) più velocemente delle loro contropa...

Secondo il quadro di valutazione degli investimenti industriali europei nella R&S ("Industrial R&D Investment Scoreboard") che è stato appena pubblicato, le aziende europee stanno incrementando i loro investimenti in ricerca e sviluppo (R&S) più velocemente delle loro controparti in USA e Giappone. Il quadro di valutazione viene pubblicato annualmente e riporta i dati degli investimenti nella R&S delle 1000 aziende europee che maggiormente investono in R&S e dei 1000 maggiori investitori in R&S extraeuropei. Questo ultimo quadro di valutazione rivela che durante l'anno finanziario 2007-2008, tutte le 2000 aziende hanno aumentato i loro investimenti nella R&S del 9%, rispetto a un aumento del 10% nell'anno precedente. Le aziende europee hanno costantemente aumentato i loro investimenti nella R&S negli ultimi cinque anni: nel 2004-2005 le aziende UE hanno incrementato i loro investimenti nella R&S di meno di 1%, ma nel 2007-2008 gli investimenti UE sono cresciuti dell'8,8%. Per la prima volta l'aumento di investimenti nella R&S delle aziende UE ha superato l'incremento dell'8,6% degli investimenti delle aziende americane. Intanto, l'incremento degli investimenti delle aziende UE ha superato quello dell'industria giapponese per il terzo anno di fila. "Ci fa piacere che, nonostante la leggera caduta a livello mondiale, gli investimenti nella R&S nelle compagnie UE sia cresciuto," ha commentato il commissario europeo per la ricerca e lo sviluppo Janez Potocnik. Le aziende ai primi tre posti della lista sono tutte americane. Al primo posto troviamo la Microsoft, che nello scorso anno ha speso 5,58 Mld EUR per la ricerca, seguita dalla General Motors (5,54 Mld EUR) e dalla Pfizer (5,53 Mld EUR). La prima azienda europea che incontriamo nella lista è l'azienda di telefonia mobile finlandese Nokia, che si aggiudica il quinto posto con un investimento nella R&S di 5,28 Mld EUR. Le uniche altre aziende europee presenti nella top ten erano i produttori tedeschi di automobili Volkswagen e Daimler. In totale, tra le prime 50 troviamo 18 aziende UE, rispetto alle 20 americane e 9 giapponesi. Il settore famaceutico e delle biotecnologie rimane il maggiore investitore nella R&S a livello mondiale, rappresentando nel quadro di valutazione il 19% degli investimenti complessivi nella R&S da parte delle aziende. L'UE e la svizzera sono particolarmente ben rappresentate in questo settore, con aziende come Roche, Novartis e AstraZeneca che aumentano i loro investimenti nella R&S al di sopra del 20%. Un altro settore importante è quello dell'energia, dove i protagonisti negli ultimi anni hanno notevolmente aumentato la loro spesa per R&S. Nell'ambito di questo settore le aziende impegnate nelle forme di energia alternative, come quella eolica o solare, mostrano i tassi di crescita più alti. Tuttavia, il commissario Potocnik mette in guardia contro la compiacenza. "Il settore proivato della R&S in Europa rimane a 1% del PIL, tra segnali che indicano che le aziende europee investono sempre più nella R&S extraeuropea," ha fatto notare. "Pertanto, dobbiamo continuare nei nostri sforzi per rendere l'Europa un luogo più attraente per la R&S nelle aziende, attraverso la creazione di uno Spazio europeo della ricerca effettivo, per poter raggiungere gli obiettivi di Lisbona."

Articoli correlati