Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Uno studio finanziato dall'UE sviluppa un modello dell'atterraggio collettivo degli stormi di uccelli

Un ricercatore ungherese ha sviluppato un modello matematico che riflette con precisione l'atterraggio collettivo di stormi di storni. Lo studio era parte del progetto, finanziato dall'UE, STARFLAG ("Storni in volo: comprendere i modelli dei movimenti di gruppo degli animali")...

Un ricercatore ungherese ha sviluppato un modello matematico che riflette con precisione l'atterraggio collettivo di stormi di storni. Lo studio era parte del progetto, finanziato dall'UE, STARFLAG ("Storni in volo: comprendere i modelli dei movimenti di gruppo degli animali"), finanziato nell'ambito del Sesto programma quadro (6°PQ), ed è stato pubblicato online sulla rivista Proceedings of the Royal Society B. Gli storni sono una specie invasiva di piccoli uccelli canori originari di Europa, Asia e Africa. Il dott. István Daruka dell'Università Eötvös in Ungheria e dell'Università di Ginevra, in Svizzera, ha studiato il volo di stormi contenenti circa 200 storni. Per descrivere numericamente il movimento e l'atterraggio degli uccelli, ha creato un modello teorico delle intricate interazioni tra gli storni durante l'atterraggio collettivo (i pochi secondi tra il volo orizzontale e l'atterraggio). "A parte la sua bellezza aerea," recita lo studio, "lo stormo è ben coordinato, gira quasi istantaneamente, effettua manovre collettive per evitare predatori; lo spiegamento abbastanza ampio e affascinante, e gli atterraggi collettivi pongono non pochi problemi sia per il modello fondamentale che per quello fenomenologico." Un modello del movimento degli uccelli deve tenere conto della posizione degli uccelli, la loro direzione, velocità, densità, ordine e forma dello stormo. L'attrazione a lunga distanza (per la creazione dello stormo) e la repulsione a breve distanza (per evitare collisioni) sono date per scontate. I modelli esistenti, sia bidimensionali che tridimensionali, hanno studiato nello specifico i movimenti degli stormi in risposta alla presenza di un predatore, ma non hanno preso in considerazione gli aspetti del paesaggio circostante. Il modello del dott. Daruka è basato su osservazioni sul campo ed è riuscito a tener conto del delicato processo dell'atterraggio collettivo durante voli di foraggiamento, tenendo conto delle caratteristiche del paesaggio. Si tratta del primo studio che presenta un modello quantitativo e una descrizione dell'atterraggio collettivo di stormi di uccelli. "Questi ricchi ed eterogenei fenomeni di formazione di stormi presentano un terreno fertile e fruttuoso per ulteriori modelli fisici e descrizioni biologiche," ha detto.' STARFLAG, che ha ricevuto circa 1 Mio EUR in finanziamenti UE, aveva lo scopo di creare modelli matematici tridimensionali degli schemi dei movimenti di gruppo degli animali, concentrandosi in particolare sugli stormi di storni. L'obiettivo era quello di capire il movimento collettivo degli stormi in relazione al comportamento dei loro individui. Capire la rilevanza biologica di tale relazione può fornire informazioni sul comportamento di gruppo negli umani. I modelli matematici sviluppati dal progetto potrebbero essere applicati allo studio delle scelte economiche collettive fatte dalle persone.

Paesi

Svizzera, Ungheria

Articoli correlati