Skip to main content

Article Category

Intervista

Article available in the folowing languages:

Invecchiamento come priorità della ricerca in Europa

Ricercatori stanno aiutando l'Europa, e in particolare l'UE, ad affrontare le sfide poste a questa regione dall'invecchiamento della popolazione e dal calo delle nascite. Essi stanno inoltre affrontando il problema della frammentazione e di come essa influenza gli effetti e l'...

Ricercatori stanno aiutando l'Europa, e in particolare l'UE, ad affrontare le sfide poste a questa regione dall'invecchiamento della popolazione e dal calo delle nascite. Essi stanno inoltre affrontando il problema della frammentazione e di come essa influenza gli effetti e l'efficienza degli sforzi internazionali e interdisciplinari della ricerca. Gli ERA-NET ERA-AGE 1 e 2 (Spazio europeo della ricerca sull'invecchiamento 1 e 2) hanno compiuto importanti progressi nell'affrontare queste questioni riunendo le varie risorse della ricerca e il know-how, e ottimizzando inoltre l'impatto della ricerca su politica, pratiche e sviluppo dei prodotti. Grazie a ERA-AGE 1 e 2, l'Europa sta dando una risposta a questioni che assillano le menti di tutti. ERA-AGE 1 ha consolidato capacità e conoscenze per coordinare la ricerca sull'invecchiamento e ha ottenuto l'avvio di uno Spazio europeo della ricerca (SER) multidisciplinare in questo campo. Il pezzo forte è stato che ha aiutato l'Europa a beneficiare di investimenti fatti in questo campo. La conseguenza del successo di ERA-AGE1 è stato ERA-AGE 2, avviato per assicurare i benefici a lungo termine del SER nel campo dell'invecchiamento. Per Alan Walker, coordinatore di ERA-AGE e professore di Politica sociale e gerontologia sociale all'Università di Sheffield nel Regno Unito, l'invecchiamento occupa un posto molto importante per il pubblico e per i politici. "L'invecchiamento è definito in vari modi. La gente e i politici tendono a pensare ad esso in termini cronologici, con la soglia posta a 60 o 65 anni," ha detto il professor Walker al notiziario CORDIS. "Ma io credo sia più utile pensare ad esso in termini funzionali. Ciò che la gente è in grado di fare o, in altre parole, quali danni sono stati fatti ai corpi e alle menti delle persone nel corso della vita. Ciò è importante poiché la struttura delle società europee sta cambiando profondamente, ci sono cioè meno giovani e più anziani, con l'aspettativa di vita che cresce di anno in anno e quindi più persone molto anziane." Prima dell'avvio del progetto, il team ERA-AGE ha stabilito che una delle principali questioni che la comunità della ricerca sull'invecchiamento deve affrontare è la mancanza di un coordinamento degli sforzi. Nonostante il coinvolgimento di vari paesi, "ciascuna nazione stava seguendo il proprio percorso senza badare a quante volte questo incrociava quello di un altro paese", sottolinea il professor Walker. Il problema era rappresentato dalla grande duplicazione degli sforzi. Egli fa anche notare che c'era una grossa preoccupazione riguardante la carenza di competenze in questo campo nella prossima generazione di ricercatori. Ecco allora il meccanismo ERA-NET, che è stato lo strumento migliore per ERA-AGE poiché ha efficacemente riunito le organizzazioni nazionali di ricerca, quali ministeri e consigli di ricerca, in uno sforzo coordinato. Commentando il modo in cui ERA-AGE 1 e 2 hanno contribuito alla creazione del SER, il professor Walker ha detto: "Ciò è avvenuto in molti modi: riunendo i partner in un consorzio per condividere conoscenza e buone pratiche nei programmi di ricerca sull'invecchiamento in allestimento (creando le fondamenta per il SER); lanciando il programma post dottorato di successo FLARE ("Future leaders of ageing research in Europe"), che è stato progettato per affrontare la questione della creazione delle competenze, coinvolgendo tutte le principali parti interessate (nella ricerca biologica, medicina e sociologia) nella discussione sulle priorità della ricerca sull'invecchiamento; pianificando il primo programma di ricerca dell'Europa in questo campo." Riguardo agli effetti sulla comunità scientifica e sulla gente del lavoro di ERA-AGE 1 e 2, i benefici sono molti e importanti. "Tra gli effetti ci sono il coinvolgimento di una più vasta comunità di ricerca nel campo della ricerca sull'invecchiamento, la percezione di una comunità di ricerca europea, l'accento sugli approcci multidisciplinari alla ricerca sull'invecchiamento, una nuova schiera di giovani ricercatori in questo campo e un riconoscibile fulcro europeo," sottolinea il professor Walker. "Gli effetti sulla società seguiranno la ricerca stessa, ma i progetti FLARE stanno già dimostrando i propri effetti su un vasto fronte, ad esempio nei nuovi approcci all'attenuazione della perdita dell'udito durante la vecchiaia e nella comprensione delle questioni etiche riguardanti le nuove medicine e tecniche anti-invecchiamento." Anche se il futuro di questo network non è chiaro, ciò che sappiamo è che lo scambio di conoscenza e la cooperazione multidisciplinari e interdisciplinari tra ricercatori si stanno dimostrando fruttuosi per tutti gli europei, sia giovani che anziani. Gli Stati membri dell'UE hanno riconosciuto l'importanza dello spazio. Il Consiglio Competitività ha chiesto alla Commissione di valutare il lancio nel 2011 di un'iniziativa di Programmazione congiunta sul Cambiamento demografico con cui ERA-AGE ha proposto di collaborare. Con quasi 1,7 Mio EUR di finanziamenti, ERA-AGE 1 e 2 ha riunito esperti provenienti da Austria, Bulgaria, Finlandia, Francia, Israele, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Romania, Svezia e Regno Unito.Per maggiori informazioni, visitare: ERA-AGE: http://era-age.group.shef.ac.uk/ Università di Sheffield: http://www.sheffield.ac.uk/ Meccanismo ERA-NET: http://cordis.europa.eu/fp7/coordination/about-era_en.html Programmazione congiunta: http://ec.europa.eu/research/era/areas/programming/joint_programming_en.htm

Articoli correlati