Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

I reparti di terapia intensiva sono rumorosi come autostrade

I pazienti dei reparti di terapia intensiva sono soggetti a livelli di rumore di oltre 20 dB più alti di quelli raccomandati dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per questi reparti, lo sostiene uno studio europeo condotto in collaborazione tra l'Università di Götebo...

I pazienti dei reparti di terapia intensiva sono soggetti a livelli di rumore di oltre 20 dB più alti di quelli raccomandati dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per questi reparti, lo sostiene uno studio europeo condotto in collaborazione tra l'Università di Göteborg e l'Università di Borås in Svezia. I risultati sono stati pubblicati nello studio "The sound environment in an ICU patient room - A content analysis of sound levels and patient experiences" che è stato pubblicato sulla rivista Intensive and Critical Care Nursing. Questi risultati fanno parte di uno studio preliminare che è parte di un progetto più ampio nel quale i ricercatori studieranno più dettagliatamente e da una prospettiva più lunga come l'ambiente fisico influenza i pazienti gravemente malati. Gli alti livelli di rumore ambientale possono essere nocivi per la salute, infatti, il rumore può essere causa di un'ampia gamma di effetti sulla salute, come: disturbi del sonno, effetti cardiovascolari, danni al rendimento lavorativo e scolastico e disturbi dell'udito come l'acufene. Nel frattempo, nei paesi occidentali della Regione europea dell'OMS il rumore legato al traffico è collegato a oltre 1 milione di anni di salute persi ogni anno, provocando malattie, invalidità o morte precoce. In Europa il rumore ambientale porta a un fardello di malattie che è secondo solo a quello causato dall'inquinamento dell'aria. Nello studio i ricercatori hanno registrato i livelli di rumore nei reparti di terapia intensiva dell'Ospedale Södra Älvsborg, uno dei quattro gruppi ospedalieri della regione di Västra Götaland in Svezia, in un periodo di 24 ore nel quale 13 pazienti gravemente malati erano assistiti. Hanno scoperto che i livelli di rumore intorno ai pazienti gravemente malati erano in media tra 51 e 55 dB, un livello di rumore paragonabile a una strada trafficata. Anche se hanno notato che per il 70 - 90 % del tempo il livello di rumore era al di sopra dei 55 dB, hanno anche registrato una serie di brevi picchi di rumore al di sopra dei 100 dB. È come un jet che decolla o un martello pneumatico. In seguito a questo, sono stati intervistati i pazienti circa le loro esperienze dei suoni che li circondano e questi hanno riferito esperienze sia positive che negative. Le esperienze positive comprendevano, per esempio, il suono dello staff che parla a bassa voce o che fornisce informazioni sulle cure. "I suoni percepiti come allarmanti erano i suoni incontrollabili provenienti, per esempio, da allarmi e suoni di pazienti gravemente malati, terapie o esami. Un paziente ha anche descritto come i suoni intorno a lui erano entrati nei suoi sogni e allucinazioni," dice Lotta Johansson, ricercatrice presso l'Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, che ha coordinato lo studio. Lo studio riconosce che i livelli di rumore trovati erano appena inferiori a quelli misurati dagli studi precedenti, ma pur sempre significativamente più alti dei 30 dB raccomandati dall'OMS per le stanze dei pazienti in ospedale. "La cosa interessante è che quello che i pazienti ritenevano più fastidioso erano i rumori sconosciuti e incontrollabili piuttosto che il livello di rumore generalmente alto. Questo ci fa capire che dobbiamo prendere ulteriori provvedimenti per creare ambienti di guarigione con migliori condizioni per il sonno e il recupero per i pazienti gravemente malati," spiega Lotta Johansson.Per maggiori informazioni, visitare: ENNAH - la rete europea sul rumore e la salute: http://www.ennah.eu/home?lang=en Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg: http://www.sahlgrenska.gu.se/english

Paesi

Svezia