Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Potenziale non sfruttato della fantascienza come ispirazione per i futuri scienziati

La fantascienza può trasportare i lettori in altri mondi e verso fantasie su come potrebbe essere il futuro. In molti casi, le ambientazioni sono di pura fantasia, mentre in altri, esse presentano previsioni stranamente accurate del futuro. Carri armati e navette spaziali veni...

La fantascienza può trasportare i lettori in altri mondi e verso fantasie su come potrebbe essere il futuro. In molti casi, le ambientazioni sono di pura fantasia, mentre in altri, esse presentano previsioni stranamente accurate del futuro. Carri armati e navette spaziali venivano citati molto prima della loro reale esistenza fisica. Lo stesso si può dire di tablet, videoconferenze via telefono, realtà virtuale dei giochi, interfacce informatiche che si basano sui movimenti e persino i cubicoli negli uffici. Ma forse ciò che è più importante, la fantascienza può anche ispirare le nuove generazioni a lavorare nel campo delle scienze. Ma secondo uno studio condotto dall'Università di Valencia in Spagna, si tratta di un'opportunità che non viene sfruttata pienamente. "Una preoccupazione attuale è che gli studenti non si dedicano più allo studio delle scienze e dell'ingegneria, e questa tendenza è più diffusa tra le ragazze. La fantascienza può essere utile per risvegliare la vocazione scientifica negli studenti più giovani," ha spiegato Jordi Solbes Matarredona, ricercatore all'Università di Valencia e coautore dello studio pubblicato nella rivista Enseñanza de las Ciencias. Jordi Solbes assieme a Fanny Petit ha presentato un questionario a 173 studenti in quattro diverse scuole pubbliche o sovvenzionate privatamente, sia in zone di campagna che urbane, allo scopo di comprendere il livello di conoscenza della fantascienza e la sua accettazione nelle scuole. Essi hanno registrato un totale di 578 riferimenti specifici alla cultura della fantascienza. Le citazioni più importanti come numero erano "Guerre stellari", "Matrix", "X-Men", "Io, Robot", "Spiderman" e "L'alba del giorno dopo". "Inoltre, vi erano 78 riferimenti che dimostravano come ci fosse confusione tra fantascienza e magia, azione e avventura, poiché "Harry Potter" e "Il signore degli anelli" sono stati citati ... assieme a "La storia infinita" e "Mission Impossible", "sottolinea Solbes. Sfortunatamente, molti film classici di questo genere sono stati citati a fatica: "Il pianeta delle scimmie" aveva nove citazioni, "2001, Odissea nello spazio" ne aveva due e "Blade Runner" non è stato citato da nessuno. Nonostante questi pessimi risultati, circa il 24 % dei rispondenti vedeva la fantascienza in una luce positiva, e il 31 % ha parlato di progressi sia scientifici che tecnologici. Inoltre, il 47 % aveva un'opinione positiva sugli scienziati, il 35 % ne aveva un'opinione falsata o esasperata e il 12 % ne aveva un'opinione negativa. Nei commenti negativi gli scienziati erano descritti come "egoisti", come "persone che vogliono dominare il mondo" e che "passano la loro vita in laboratorio" confermando così la tipica immagine dello "scienziato pazzo". Queste opinioni possono essere il risultato del modo in cui gli scienziati vengono descritti in film di supereroi come "X-Men", "Spiderman" e "Hulk". "In questi film, il nemico è solitamente uno scienziato pazzo che vuole dominare il mondo o addirittura aumentare il proprio potere dopo aver scoperto una potente "arma"," afferma il ricercatore; in "Guerre stellari" e "Matrix", gli scienziati non compaiono. Lo studio ha anche analizzato 31 libri di testo obbligatori di scienze e tecnologia per la scuola primaria e secondaria in relazione ad argomenti quali fisica e chimica, biologia e geologia e argomenti tecnologici insieme a libri per insegnanti, CD-ROM e libri delle attività. Questi testi sono stati stampati abbastanza recentemente e provengono da sette delle principali case editrici tra il 2000 e il 2008. Essi sono stati inoltre analizzati per scoprire la presenza o l'assenza di elementi di fantascienza. "Tra i 31 libri di scuola secondaria e superiore analizzati, in 22 di essi non viene fatto alcun riferimento alla fantascienza, nemmeno in fotografie, commenti, testi, attività o riferimenti web," afferma il ricercatore. In cinque dei libri, un elemento di fantascienza è stato trovato sotto forma di una fotografia, un testo e un problema-domanda; tre libri mostravano segni evidenti di due di questi elementi; e solo un libro (fisica e chimica) conteneva tutti e tre gli elementi di fantascienza. "Il più importante di questi era una fotografia di Superman trovata in uno dei testi saggio sulla scoperta del minerale jadarite, la cui formula chimica è molto simile a quella del minerale immaginario kryptonite," spiegano i ricercatori. Essi hanno anche trovato un libro di testo con un'immagine dell'astronave Starship Enterprise della serie "Star Trek", che accompagna un testo saggio sulle fonti energetiche delle navi e sui problemi legati alla distanza che il Capitano Nemo, di "Ventimila leghe sotto i mari", potrebbe incontrare nel suo viaggio sottomarino. Un altro problema posto si riferiva alle rotazioni al minuto che la stazione spaziale di "2001, Odissea nello spazio" dovrebbe effettuare per simulare la gravità della Terra. Nei libri tecnologici è stata trovata un'attività che prevedeva la progettazione di un'automobile nel 2050, oltre a riferimenti alle leggi della robotica di Isaac Asimov, e un'altra che menziona una serie cinematografica di fantascienza con esempi di film come "Matrix" e "Blade Runner". "Poiché i libri di testo costituiscono la maggior parte di ciò che viene insegnato, questo ci dice che, assieme allo scarso numero di attività proposte dal personale docente, la fantascienza è praticamente assente dalle aule, nonostante il fatto che sia vista positivamente dagli insegnanti, " concludono i ricercatori. I ricercatori hanno inoltre scoperto che in generale gli insegnanti erano favorevoli alla fantascienza. A un totale di 56 insegnanti è stato chiesto quale genere di fantascienza conoscessero bene, e di classificare se si trattasse di film, serie televisive o libri. Secondo i risultati, la saga di "Guerre stellari" era ancora la più popolare, assieme a "Ritorno al futuro" e "Matrix". Tuttavia, altri film classici come "Metropolis", "Blade Runner", "2001, Odissea nello spazio" e "Io, Robot" venivano menzionati più spesso rispetto che non nel gruppo più giovane. In generale, il personale docente menzionava anche i libri due volte più spesso rispetto agli alunni. "Circa il 38 % delle risposte si riferiscono direttamente a una maggiore motivazione e a più interesse nelle scienze tra gli alunni," sottolinea Solbes. In seguito alle loro conclusioni, i ricercatori propongono attività di apprendimento basate su film e serie di fantascienza come modo per verificare se queste attività migliorano realmente l'opinione che gli studenti hanno riguardo alla scienza e agli scienziati.Per maggiori informazioni, visitare: Università di Valencia: http://www.uv.es/uvweb/universidad/en/universidad-valencia-1285845048380.html Enseñanza de las Ciencias: http://dialnet.unirioja.es/servlet/revista?codigo=497

Paesi

Spagna

Articoli correlati

Progressi scientifici
Ricerca di base

14 Dicembre 2017

9 Luglio 2012
Irlanda

17 Ottobre 2013