Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Movimenti oculari e schizofrenia

Scienziati nel Regno Unito hanno scoperto che i comuni test della visione sono in grado di rilevare i movimenti oculari anomali attraverso i quali è possibile distinguere i casi di schizofrenia dai soggetti di controllo sani, con oltre il 98 % di accuratezza. Il loro modello è...

Scienziati nel Regno Unito hanno scoperto che i comuni test della visione sono in grado di rilevare i movimenti oculari anomali attraverso i quali è possibile distinguere i casi di schizofrenia dai soggetti di controllo sani, con oltre il 98 % di accuratezza. Il loro modello è stato presentato nella rivista Biological Psychiatry. Studi precedenti avevano legato movimenti oculari anomali con la schizofrenia. Secondo gli autori principali, i dottori Philip Benson e David St Clair dell'Università di Aberdeen nel Regno Unito, "è noto da più di cento anni che gli individui con malattie psicotiche presentano una serie di anomalie dei movimenti oculari, ma fino al nostro studio, che ha impiegato una batteria nuova di test, nessuno aveva pensato che le anomalie fossero abbastanza sensibili da essere usate come potenziale biomarcatore diagnostico clinico". Nella serie di prove sono state incluse attività di inseguimento lento, di libera visione e di sguardo fisso. Per quanto riguarda l'inseguimento lento, i pazienti affetti da schizofrenia non riescono a tenere traccia con i loro occhi degli oggetti che si muovono lentamente. Quello che succede è che i loro movimenti oculari di solito cadono dietro l'oggetto in movimento ed essi utilizzano il movimento rapido degli occhi per raggiungere l'oggetto. Gli esperti chiamano questo movimento rapido degli occhi saccade. Il test di libera visione si concentra sull'immagine; la maggior parte delle persone segue uno schema tipico con lo sguardo durante la scansione dell'immagine, gli individui con schizofrenia seguono invece un modello anomalo. Per l'attività di sguardo fisso, i soggetti dovevano mantenere lo sguardo fisso su un singolo bersaglio immobile. Per i soggetti di controllo non c'erano problemi, mentre i soggetti con schizofrenia avevano difficoltà a svolgere bene questo compito. In questo studio i ricercatori hanno osservato che le prestazioni dei soggetti con schizofrenia presentavano delle anomalie rispetto alle prestazioni dei soggetti di controllo sani. Il team ha poi modellato i dati e testato l'accuratezza di ogni algoritmo attraverso una batteria di esami della vista. I dati ottenuti dai test hanno mostrato un tasso di precisione del 98,3 %. "È incoraggiante vedere la grande sensibilità di questo modello per la diagnosi della schizofrenia," ha commentato il dott. John Krystal, direttore di Biological Psychiatry. "Sarà interessante vedere fino a che punto questo approccio consente ai ricercatori clinici di distinguere le persone affette da schizofrenia da individui con altri disturbi psichiatrici." I dottori Benson e St Clair hanno già iniziato a lavorare su questo: "Ora abbiamo interessanti dati non pubblicati che mostrano che i modelli di anomalie dei movimenti oculari sono specifici per differenti sottogruppi psichiatrici, un altro requisito fondamentale per i biomarcatori diagnostici. La prossima cosa che vogliamo scoprire è se le anomalie sono rilevabili in uno stadio iniziale e se possono essere utilizzate come marcatori di malattia per gli studi di intervento precoce nelle principali malattie mentali. Siamo anche interessati a studiare il modo migliore di sviluppare i nostri risultati per l'uso nella pratica clinica."Per maggiori informazioni, visitare: Università di Aberdeen: http://www.abdn.ac.uk/ Biological Psychiatry: http://www.journals.elsevier.com/biological-psychiatry/

Articoli correlati