Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Una centrale elettrica riduce le sue emissioni di CO2 di oltre il 90%

Con la conferenza sul clima delle Nazioni Unite (ONU) in corso a Doha, in Qatar, fa notizia un nuovo metodo innovativo in grado di ridurre di oltre il 90 % le emissioni di biossido di carbonio (CO2) prodotte dale centrali elettriche. Il sistema, attualmente in fase di progetta...

Con la conferenza sul clima delle Nazioni Unite (ONU) in corso a Doha, in Qatar, fa notizia un nuovo metodo innovativo in grado di ridurre di oltre il 90 % le emissioni di biossido di carbonio (CO2) prodotte dale centrali elettriche. Il sistema, attualmente in fase di progettazione, sarà lanciato su una centrale elettrica esistente. L'Istituto di sistemi e tecnologia energetica della TU Darmstadt, che gestisce uno dei maggiori sistemi pilota del mondo per la cattura del CO2, sta studiando il metodo del carbonate looping da quattro anni. I ricercatori di Darmstadt hanno studiato questo metodo per oltre 1 000 ore operative e sono arrivati alla conclusione che usa meno energia e comporta meno spese rispetto ai metodi precedenti. Uno dei principali vantaggi dell'uso di questo metodo è che può essere istallato in centrali elettriche già esistenti. La ricerca sul metodo del carbonate looping è stata sostenuta da contributi del valore totale di oltre 4 milioni di euro da parte del Ministero federale tedesco dell'economia e della tecnologia e da vari partner industriali. Ulteriori finanziamenti di 1,5 milioni di euro arriveranno dall'Unione europea, che contribuirà all'ulteriore sviluppo di questo metodo. Questa notizia fa seguito alla pubblicazione di una relazione quest'anno intitolata "Tendenze delle emissioni globali di CO2", che ha rivelato che le emissioni globali di CO2 (la causa principale del riscaldamento globale) sono aumentate del 3% nel 2011, raggiungendo un picco di 34 miliardi di tonnellate. Il direttore dell'Istituto, il professor Bernd Epple, che ha studiato il metodo insieme ai suoi 30 colleghi, ha detto: "Questo metodo rappresenta una tappa fondamentale nel percorso verso centrali elettriche senza CO2 e permetterà agli impianti elettrici a carbone, a gas naturale, a combustibile derivato dai rifiuti e a biomassa di produrre elettricità e calore in modo affidabile ed efficiente in termini di costi senza pesare sull'ambiente". Il carbonate looping funziona catturando grandi quantità del gas serra CO2 generato durante la combustione dei carburanti fossili, come il carbone e il gas naturale. Una tecnologia fondamentale per arrivare a emissioni più basse e centrali elettriche più rispettose dell'ambiente è la cattura e l'utilizzo del carbonio (CCU), applicata agli impianti a carburanti fossili. La cattura e l'utilizzo del carbonio possono ridurre a un minimo le emissioni di CO2 provenienti dall'impiego di carburanti fossili per generare elettricità e di altri metodi industriali. Questo risulta in una diminuzione significativa delle emissioni di gas serra. L'Istituto della TU Darmstadt sta conducendo studi pilota di vari metodi innovativi per la cattura del CO2 e continua a cercare modi per evitare le emissioni di CO2, mantenendo bassi il dispendio di energia e i costi di funzionamento. Il metodo del carbonate looping usa il calcare naturalmente presente per legare il CO2 contenuto nei gas delle canne fumarie delle centrali elettriche in un reattore di prima fase. Il CO2 puro viene quindi liberato in un reattore di seconda fase e ulteriormente trattato o conservato. Il sistema di ricerca pilota della TU Darmstadt si è rivelato in grado di catturare oltre il 90% del CO2 emesso, riducendo allo stesso tempo sia l'immissione di energia che i costi operativi precedentemente necessari per la cattura del CO2 di oltre il 50%. Vari studi e simulazioni condotti in parallelo hanno indicato che questo metodo sarebbe adatto all'uso su sistemi su vasta scala, l'esperienza acquisita dal gruppo della TU Darmstadt è attualmente applicata a un sistema che è stato ingrandito per un fattore di 20. Il prossimo stadio è progettare un sistema ampliato da istallare su una centrale elettrica esistente in Germania.Per maggiori informazioni, visitare: Technische Universität Darmstadt: http://www.tu-darmstadt.de/index.en.jsp Tendenze delle emissioni globali di CO2 - Relazione 2012: http://edgar.jrc.ec.europa.eu/CO2REPORT2012.pdf

Paesi

Germania

Articoli correlati