Skip to main content

Dung as Construction Material During the Emergence of Animal Domestication: A Multi-Proxy Approach

Article Category

Article available in the folowing languages:

Il ruolo di supporto dello sterco nelle case antiche

Una nuova ricerca archeologica evidenzia il ruolo importante svolto dai materiali da costruzione a base di sterco nel consentire ai primi esseri umani di adattarsi a un ambiente in evoluzione.

Società

Circa 12 000 anni fa, gli esseri umani iniziarono la transizione all’agricoltura, addomesticando piante e animali e, cosa forse più importante, imparando a utilizzare sottoprodotti quali il latte, la lana e persino il letame. «Lo sterco è un materiale prezioso utilizzato come fertilizzante, carburante e per l’edilizia», afferma Shira Gur-Arieh, una borsista postdottorato Marie Skłodowska-Curie che lavora nel gruppo Culture and Socio-Ecological Dynamics presso l’Università Pompeu Fabra (UPF). «Tuttavia, a differenza di altri sottoprodotti, l’uso di sterco, soprattutto nell’edilizia, è stato ampiamente ignorato dalla comunità archeologica». Secondo Gur-Arieh, sapere come gli esseri umani utilizzavano lo sterco è la chiave per comprendere il loro rapporto con gli animali, le pratiche di sussistenza, l’uso della tecnologia e l’impatto sull’ambiente. «Fornisce informazioni sulle pratiche socioculturali, sulla gestione delle risorse e sulle strategie di adattamento», spiega. «Tutto ciò è particolarmente importante quando si tratta di esaminare l’uso dello sterco all’alba della domesticazione e la successiva comparsa di società più complesse». Grazie al supporto del progetto MapDung, finanziato dall’UE, Gur-Arieh sta esaminando l’uso precoce dello sterco nell’edilizia come base per la comprensione delle relazioni uomo-animale-ambiente.

Portare alla luce dati inestimabili

La ricerca di Gur-Arieh ha avuto un aspetto sia sperimentale che archeologico. Per quanto riguarda il primo, la ricercatrice ha utilizzato condizioni controllate per studiare il processo di formazione pre- e post-deposizione dello sterco quando utilizzato come intonaco per pavimenti e come tempera nella ceramica. «Osservando il materiale al microscopio, siamo stati in grado di identificare e differenziare alcuni dei vari processi di preparazione», osserva Gur-Arieh. «Il vantaggio di questo tipo di lavoro sperimentale è che può essere utilizzato per aiutare i ricercatori a individuare gli aspetti tecnologici dell’edilizia nella documentazione archeologica». In termini di aspetto archeologico, i ricercatori hanno utilizzato un metodo multi-proxy per migliorare l’identificazione dello sterco, soprattutto se utilizzato come materiale da costruzione nei pavimenti e nelle pareti. Questo lavoro ha richiesto ai ricercatori di dirigersi sul campo, dove hanno campionato e analizzato lo sterco proveniente da quattro siti: Sharara in Giordania, Motza e Tel Tsaf in Israele e Çatalhöyük in Turchia. Ciò che hanno scoperto è stata l’assenza dell’uso di sterco a Sharara, possibili prove del suo utilizzo presso il sito di Motza e prove evidenti del suo utilizzo a Çatalhöyük e Tel Tsaf. «Riteniamo che lo sterco utilizzato per le costruzioni a Çatalhöyük e Tel Tsaf sia ben conservato grazie all’ambiente arido delle zone», afferma Marco Madella, ricercatore presso l’UPF, anch’egli coinvolto nello studio. «Aggiungendoli al corpus di siti archeologici in cui è stato studiato e considerato l’uso dello sterco, questi risultati portano dati inestimabili a quello che fino a poco tempo fa era un argomento quasi inesplorato», aggiunge Gur-Arieh.

La chiave per costruire società basate sull’agricoltura

Il progetto è riuscito a evidenziare il ruolo essenziale che lo sterco ha svolto, e spesso svolge ancora, nella capacità degli esseri umani di adattarsi al loro ambiente. «Quando gli esseri umani si stabiliscono in modo permanente, alla fine esauriranno le scorte di legno per il combustibile e la loro terra diventerà improduttiva senza il fertilizzante giusto», conclude Gur-Arieh. «Senza lo sterco, che può essere utilizzato come combustibile, fertilizzante e materiale da costruzione, gli esseri umani non sarebbero mai stati in grado di stabilire una civiltà basata sull’agricoltura».

Parole chiave

MapDung, sterco, ricerca archeologica, pratiche socioculturali, domesticazione

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione