Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

TENDENZE SCIENTIFICHE: Che sapore ha il buon vino dopo più di un anno nello spazio?

Alcuni esperti hanno assaggiato un prestigioso vino francese che aveva trascorso 14 mesi in orbita attorno alla Terra.

Ricerca di base

Dopo i moscerini della frutta, le scimmie, i cani e la pizza, è stato il turno del vino di viaggiare verso l’ultima frontiera. Nel 2019, 12 bottiglie di vino francese sono state inviate alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Non si tratta soltanto di un vino qualsiasi. Il famoso Château Pétrus è uno dei più costosi al mondo. Una bottiglia costa circa 5 000 euro.

Arrivare là dove nessun altro vino è giunto prima

«Il motivo principale per andare nello spazio era, infatti, osservare come funziona il processo di invecchiamento e come sia possibile influenzare il processo stesso», ha detto a «Euronews» il biologo spaziale il dott. Michael Lebert, che ha partecipato alla pianificazione dell’esperimento. «Per questo, dobbiamo sapere come funziona il processo di invecchiamento. E l’unico modo per scoprire il ruolo di determinate sostanze, come ad esempio l’ossigeno, è andare in condizioni in cui sia possibile escluderne l’azione». Dopo una permanenza di 438 giorni e 19 ore sulla ISS a gravità zero, il vino è tornato sulla Terra per un test di degustazione alla cieca a Bordeaux, in Francia, da parte di intenditori. Agli assaggiatori non è stato detto che avrebbero assaggiato un vino proveniente dallo spazio. Il loro obiettivo era determinare se avesse un sapore, un odore e un aspetto diversi rispetto alle bottiglie che non hanno mai lasciato il nostro pianeta. Una delle bottiglie è stata degustata insieme a una bottiglia della stessa annata conservata in una cantina sulla Terra. Sia i vini terrestri che quelli celesti sono rimasti sigillati in appositi contenitori e conservati a una temperatura di poco inferiore ai 18° C. «Ho le lacrime agli occhi», ha detto ad «Associated Press» Nicolas Gaume, amministratore delegato e co-fondatore di Space Cargo Unlimited, la start-up europea che ha organizzato l’esperimento, stappando le bottiglie.

Il vino aveva un sapore fuori dal mondo?

Secondo gli enologi, il vino spaziale aveva il sapore di petali di rosa e l’odore di falò. «Per me, la differenza tra il vino dello spazio e il vino terrestre... non era facile da definire», ha commentato l’agronomo ed enologo Franck Dubourdieu, esperto nello studio del vino e della vinificazione. «Ho trovato una differenza sia nel colore che negli aromatici e anche nel gusto», ha detto alla «CNN» l’enologa Jane Anson, che scrive anche per Decanter, la rivista di vino più venduta al mondo. «Sembrava solo un po’ più vecchio, un po’ più evoluto del vino che era rimasto sulla Terra. … Non capita tutti i giorni che ti venga chiesto di assaggiare un vino che è stato nello spazio. Se avessi intenzione di berlo stasera, probabilmente quello che è stato nello spazio sarebbe un po’ più pronto da bere. Era un po’ più aperto». Il vino è invecchiato fino a tre anni più velocemente in assenza di gravità rispetto alle bottiglie conservate sulla Terra. I ricercatori di Space Cargo Unlimited ora vogliono sapere come e perché il vino sia invecchiato più velocemente. «Anche se è ancora prematuro fornire conclusioni scientifiche, tuttavia queste prime osservazioni convalidano l’approccio assolutamente innovativo di Space Cargo Unlimited, che consiste sia nell’utilizzare lo spazio come nuovo ambiente di ricerca per il futuro dell’agricoltura, sia nel capitalizzare la vite e il vino, che sono un mezzo incredibile per la ricerca scientifica, come Pasteur ha dimostrato in passato», hanno spiegato Gaume e il suo collega co-fondatore Emmanuel Etcheparre a «Forbes».

Parole chiave

vino, Château Pétrus, Chateau Petrus, Space Cargo Unlimited, spazio, Bordeaux