Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Aggiornamento su PROSEU: energia sostenibile e inclusiva per le persone, con le persone

A ottobre 2020, il Results Pack sulle scienze sociali e umane nella ricerca energetica ha presentato PROSEU, un progetto che ha permesso a normali cittadini di svolgere un ruolo fondamentale nella transizione dell’Europa verso l’energia pulita. È riuscito ad aiutare i prosumatori (cittadini che producono e consumano la propria energia rinnovabile) a diventare protagonisti della loro transizione?

Cambiamento climatico e Ambiente
Società
Energia

L’ultima volta che abbiamo parlato con Inês Campos, coordinatrice del progetto PROSEU (PROSumers for the Energy Union: mainstreaming active participation of citizens in the energy transition), il consorzio stava lavorando a una tabella di marcia per integrare il prosumerismo fino al 2030 e 2050, coinvolgendo circa 160 esperti. In conclusione era stata pubblicata una serie di raccomandazioni politiche. I responsabili politici dispongono ora di proposte tangibili per la stesura della legislazione nazionale. «Il prosumerismo può fortemente contribuire al raggiungimento dei nostri obiettivi climatici, rendendo la transizione energetica socialmente inclusiva e vantaggiosa per tutti», spiega Campos. «A sostegno di ciò, il consorzio PROSEU ha collaborato a iniziative di prosumatori in tutta Europa per studiare e imparare, e ora propone raccomandazioni politiche concrete e tempestive per l’integrazione del prosumerismo in Europa.» Guardando al progetto che si è concluso nel febbraio 2021, Campos commenta il risultato più importante. «PROSEU ha posto le basi per l’integrazione della partecipazione dei cittadini nei sistemi energetici distribuiti, come consumatori attivi e/o come membri di comunità energetiche.» I partner del progetto hanno svolto una sostanziosa ricerca sui modelli di business che i prosumatori stanno implementando in Europa, sui meccanismi finanziari messi in pratica dai prosumatori e dalle comunità energetiche, sulle barriere e le sfide normative in Europa, nonché sulle opportunità tecnologiche, ad esempio su quanta energia può essere prodotta dai prosumatori attraverso le risorse energetiche distribuite fino al 2050. «Tutto ciò ha offerto una base di riferimento per l’innovazione attuale, incentrata sull’accelerazione della diffusione delle risorse energetiche distribuite. Tale conoscenza di base prima semplicemente non esisteva», dichiara Campos. «Erano presenti molte ricerche frammentarie sui consumatori attivi di energia, sui prosumatori, sulle comunità energetiche e sui sistemi energetici distribuiti, ma non c’era una revisione sistematica di come questi elementi si uniscono.» «Siamo rimasti sorpresi nello scoprire che in molte delle comunità con cui abbiamo collaborato si è riscontrato un impatto sulla vita reale», aggiunge Campos. «Ad esempio, in almeno due casi la comunità ha continuato a creare la propria comunità energetica. Questo è stato molto gratificante per noi. Raccontiamo queste storie nel nostro Libro delle ispirazioni del prosumatore.» «Il fatto di aver ricevuto un finanziamento dall’UE è stato fondamentale per il successo e l’attuazione di PROSEU», conclude Campos. «Durante il progetto, le parti interessate e i cittadini erano più interessati a partecipare perché si trattava di un progetto finanziato dall’UE.»

Parole chiave

PROSEU, energia, prosumatore, prosumerismo, energia pulita, transizione energetica, comunità energetica, sistema energetico distribuito, risorsa energetica distribuita