Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

TENDENZE SCIENTIFICHE: La pandemia ha cambiato la vostra personalità?

Secondo un nuovo studio, la COVID-19 potrebbe aver alterato diversi tratti della personalità.

Ricerca di base

Il lungo periodo di isolamento sociale si è ripercosso su tutti noi in modi diversi. Ma quanto è stata alterata la nostra personalità? Uno studio pubblicato sulla rivista «PLOS ONE» suggerisce che la pandemia globale ha innescato cambiamenti della personalità. «La pandemia è stata un’opportunità senza precedenti per vedere come un evento stressante collettivo possa avere un impatto sulla personalità», ha dichiarato alla «CNN» l’autrice principale dello studio, la prof.ssa Angelina Sutin del Florida State University College of Medicine.

Lo stress legato alla pandemia

Un gruppo di ricerca guidato dal Florida State University College of Medicine ha utilizzato le valutazioni della personalità di oltre 7 100 statunitensi di età compresa tra i 18 e i 109 anni prima e durante la pandemia. I partecipanti hanno eseguito una media di tre test della personalità che misuravano cinque tratti: nevroticismo, estroversione, apertura, gradevolezza e coscienziosità. «Sappiamo che la personalità è piuttosto stabile», ha dichiarato la prof.ssa Sutin a «Fortune». «Può cambiare e cambia, ma non così tanto. La pandemia è stata davvero un’opportunità senza precedenti per osservare come questo fattore di stress abbia avuto un effetto sulla personalità.» La personalità è rimasta abbastanza stabile durante la prima fase della pandemia (da marzo a dicembre 2020). Solo il nevroticismo è diminuito leggermente rispetto al periodo pre-pandemia, perché il coronavirus dava alle persone un motivo per sentirsi ansiose, essendo dunque meno propense a dare la colpa alla propria indole. Nella seconda fase della pandemia (2021-2022) il declino del nevroticismo era scomparso ed era stato sostituito da riduzioni dell’estroversione, dell’apertura, della gradevolezza e della coscienziosità rispetto alla personalità pre-pandemica. Questi cambiamenti riflettono una fluttuazione che normalmente si osserva nell’arco di un decennio.

Quale gruppo di età è stato più colpito?

I giovani adulti hanno rivelato i maggiori cambiamenti: sono diventati più umorali e più suscettibili allo stress, oltre che meno collaborativi, fiduciosi, controllati e responsabili. Il gruppo di adulti più anziani non ha registrato cambiamenti importanti dei propri tratti. «Sebbene la pandemia sia stata stressante per tutti, ha interrotto i compiti normativi dell’età adulta più giovane, come la scuola e il passaggio alla forza lavoro, la socievolezza e lo sviluppo di relazioni», ha spiegato la prof.ssa Sutin a «The Guardian». «È un’ipotesi, perché non abbiamo misurato le ragioni del cambiamento, ma questa perturbazione potrebbe aver avuto un impatto maggiore sui giovani adulti perché i compiti appena illustrati sono molto importanti per questa fascia d’età.» La pandemia ha sconvolto quasi tutto della nostra vita ed è stata difficile per tutti, indipendentemente dai motivi. Brent Roberts, professore di psicologia presso l’Università dell’Illinois Urbana-Champaign non coinvolto nello studio, ha dichiarato alla CNN: «In altre parole, [le persone] non sono pazze, sono stati anni difficili per tutti noi, a tal punto che c’è stato anche un piccolo effetto sulla nostra personalità».

Parole chiave

personalità, pandemia, COVID-19, coronavirus, stress, nevroticismo, estroversione, apertura, gradevolezza, coscienziosità