Skip to main content

Investigation of the effect of prolonged nuclear radiation on the aboriginal bacterial populations in the zone of the Chernobyl atomic power station catastrophe

Article Category

Article available in the folowing languages:

La soluzione antiossidante alla sopravvivenza nucleare

Il suolo attorno alla centrale nucleare di Chernobyl offre una straordinaria opportunità di studio degli effetti a lungo termine delle radiazioni sugli organismi viventi.

Cambiamento climatico e Ambiente

Alcuni batteri hanno la capacità di adattarsi alla sollecitazione radioattiva. Poiché si sviluppano rapidamente, tali batteri sono i soggetti ideali per lo studio dei sistemi di protezione della cellula e dei controlli genetici di variabilità che permettono alla cellula di resistere e sopravvivere. I suoli contaminati dalle radiazioni presentano una diminuzione generale della quantità e della varietà dei batteri. I livelli dei batteri per la fermentazione della cellulosa, dei nitrobatteri e dei batteri per la riduzione dei solfati sono drasticamente ridotti. Mentre il Bacillus cereus è il batterio eterotrofico dominante, i batteri metilotrofici facoltativi come il Methylobacterium extorquens e il Methylobacterium mesophilicum sono presenti in uguali quantità nei campioni di suolo contaminato e nei campioni di controllo. I ceppi del Methylobacterium e del Bacillus isolati nella zona inquinata mostrano elevati livelli di attività del superossido dismutasi rispetto ad altri batteri eterotrofici. Tali batteri sono altamente resistenti al perossido d'idrogeno e i raggi ultravioletti esercitano su di essi un limitato effetto mutageno. Gli enzimi antiossidanti sembrano proteggere le cellule dai danni causati dalle radiazioni e potrebbero anche essere dotati di una maggiore capacità di riparazione del DNA. Le informazioni raccolte a partire da questi organismi verranno utilizzate in futuro per le terapie umane e animali in caso di avvelenamento radioattivo.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione