CORDIS - Risultati della ricerca dell’UE
CORDIS

Resolve Chronic Inflammation and Achieve Healthy Aging by Understanding Non-regenerative Repair

Article Category

Article available in the following languages:

Meccanismi anomali di guarigione delle ferite

L'invecchiamento può essere accompagnato da disturbi di natura fibroproliferativa non rigenerativi della guarigione dei tessuti e da infiammazione cronica, con conseguente perdita di funzionalità degli organi. I ricercatori finanziati dall'UE hanno cercato di chiarire i meccanismi sottostanti a questo processo.

Salute icon Salute

La guarigione fibroproliferativa porta alla formazione progressiva di cicatrici nei tessuti, con conseguente fibrosi degli organi che può provocare la perdita della loro funzionalità, danni irreversibili e persino la morte. La fibrosi polmonare idiopatica (IPF) è indicativa di questa patologia. Tredici partner operanti nel settore accademico, clinico e industriale si sono riuniti nel progetto RESOLVE ("Resolve chronic inflammation and achieve healthy aging by understanding non-regenerative repair") e hanno lavorato per chiarire i meccanismi regolatori che intervengono nella guarigione fibroproliferativa delle ferite. Gli scienziati hanno utilizzato modelli di malattia umana e animale e studi su pazienti affetti da IPF per raccogliere dati estesi basati su test clinici, funzionali e patologici. L'esame ha confrontato la riparazione di pelle, polmoni e fegato in condizioni di guarigione normale, infiammatoria e fibroproliferativa delle ferite, in soggetti giovani e anziani, valutando anche la risposta al trattamento immunosoppressivo. Il team RESOLVE è riuscito a identificare punti di controllo funzionali, delineando le differenze tra riparazione normale e fibroproliferativa. L'analisi della biologia dei sistemi ha permesso di stabilire le modifiche cellulari e fenotipiche associate alla guarigione anomala delle ferite, scoprendo due importanti aberrazioni del controllo della riparazione nelle malattie fibroproliferative dei polmoni, costituite da meccanismi di crescita anormalmente esagerati, accompagnati da una forte perdita della differenziazione cellulare. Diciannove marcatori dell'mRNA hanno permesso di eseguire la differenziazione dei campioni polmonari dei pazienti sani e di quelli affetti da IPF. Gli scienziati hanno sviluppato e convalidato test di metilazione del DNA che permettono di prevedere in modo preciso la polmonite interstiziale idiopatica o l'IPF nel 93 % dei casi da DNA cell-free nel siero, identificando inoltre promettenti composti biologici e chimici per lo sviluppo di futuri farmaci che permettano di alleviare l'IPF. Alcuni di essi sono già in fase di test in altri studi clinici sulla terapia della malattia. Gli scienziati hanno sviluppato sistemi di test basati su nuovi modelli di ratti transgenici e su linee hiPS di IPF specifiche dei pazienti. oltre a nuovi strumenti di analisi e sequenziamento dell'espressione genetica e modelli di polmone. Nel complesso, questi risultati saranno estremamente preziosi per valutare l'efficacia terapeutica dei casi di riparazione fibroproliferativa. Il lavoro svolto dal team RESOLVE ha aperto la via alla ricerca del futuro e alle prossime attività di sviluppo farmacologico che promuoveranno un invecchiamento più sano e una migliore qualità della vita.

Parole chiave

Invecchiamento, non-rigenerativo, guarigione, infiammazione, fibroproliferativo, cicatrice, fibrosi polmonare, biologia dei sistemi, fenotipico, marcatore, test

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione