Skip to main content

Article Category

Story

Article available in the folowing languages:

Articoli di approfondimento - Carico intelligente per una logistica più efficiente e più verde

Un carico intelligente che sa dov'è, dove sta andando, quando deve arrivare e chi se ne occupa rivoluzionerebbe l'industria delle spedizioni, migliorandone l'efficienza, facendo risparmiare tempo e denaro a fornitori e destinatari e contribuendo a proteggere l'ambiente. Alcuni ricercatori finanziati dall'UE hanno sviluppato un prototipo di sistema di "carico intelligente" che promette tutte queste cose e altro ancora.

Economia digitale

Milioni di camion, treni merci e navi si spostano in tutto il mondo ogni giorno. Tutti insieme rappresentano oltre il 14% delle emissioni di gas serra globali e circa un terzo del consumo totale di energia. Molti di questi veicoli viaggiano vuoti e rappresentano quindi uno spreco. Nonostante i tentativi di migliorare l'efficienza dei trasporti, un camion da carico che percorre le strade dell'Europa attualmente passa circa la metà del suo tempo lavorativo vuoto, quando ritorna da una consegna o quando viaggia per andare a prendere il suo prossimo carico. Cosa succederebbe se il carico fosse consapevole del suo contesto e del suo scopo? Potrebbe trovare posto su un camion di passaggio, facendo sapere agli operatori di logistica dove si trova e tenendo i destinatari informati del tempo stimato di arrivo. I beni deperibili e pericolosi potrebbero essere monitorati da vicino, i percorsi di trasporto cambiati in modo dinamico per evitare la congestione e l'intero settore dei trasporti diventerebbe molto più efficiente. "In pratica, il carico intelligente sta per dare al carico la capacità di capire chi è, dove si trova, qual'è la sua missione e cosa può fare se qualcosa va storto," dice Margherita Forcolin dell'azienda di servizi informatici Insiel in Italia. "Dal punto di vista dell'intelligenza artificiale è un livello di intelligenza di base, semplicemente reagisce a quello che gli succede intorno, ma dal punto di vista logistico è un enorme passo avanti." Insiel ha coordinato un consorzio di 22 aziende, università e istituti di ricerca definendo concetti e sviluppando tecnologie per un sistema di carico intelligente basato su una combinazione di reti di sensori, comunicazioni wireless e intelligenza ambientale e artificiale. Sostenuto con 8,25 milioni di euro in finanziamenti della Commissione europea, il team alla base del progetto EURIDICE* ha implementato il proprio sistema in otto diversi studi pilota che coinvolgevano operatori di trasporto e logistica di tutta Europa. EURIDICE aveva lo scopo di usare "sistemi cooperativi", sistemi (o oggetti), che comunicano tra di loro e con il proprio ambiente, per fornire le giuste informazioni al posto giusto e nel momento giusto a basso costo, usando moderne reti di comunicazione. Carico intelligente La definizione di EURIDICE di carico intelligente si basa su sei capacità fondamentali. Per cominciare, il carico deve essere in grado di identificarsi in modo che un operatore in un magazzino possa chiedere a un container, un pallet o una scatola la sua identità unica e determinare cosa c'è dentro. L'operatore, a sua volta, dovrebbe poi essere in grado di accedere a servizi di informazione da parte del proprietario, del vettore e dell'autorità doganale per determinare la natura, il percorso e la situazione del nulla osta del bene. Il carico deve essere consapevole anche del contesto, deve cioè essere in grado di riferire, per esempio, che si trova dentro un camion per strada o in un deposito in attesa di essere preso in consegna. Dovrebbe anche controllare e riferire il suo stato, che, a seconda del tipo di carico, potrebbe consistere nel controllare la temperatura, l'umidità, se è ancora sigillato o se è stato colpito o danneggiato in alcun modo. Queste informazioni, insieme alla tecnologia di intelligenza artificiale, permettono al carico di agire indipendentemente e prendere decisioni autonome, per esempio, allertare chi pianifica la logistica automaticamente se viene deviato dalla rotta predestinata, in caso di ritardo. "Il sistema è formato da due parti: i sensori, la memorizzazione dei dati, il software e i componenti di trasmissione sul carico e un'infrastruttura fissa collegata che si occupa della gestione generale del sistema," spiega Forcolin, che coordina lo sviluppo e l'uso di EURIDICE. Quali componenti devono essere usati e come dipende dall'applicazione prevista. Un container per la spedizione, per esempio, potrebbe essere provvisto di una serie di sensori per monitorare tutto il suo contenuto e il percorso seguito, mentre un pacco potrebbe essere etichettato con un chip RFID che semplicemente dica agli operatori logistici cosa contiene e dove è diretto. Anche l'infrastruttura di back-end è flessibile. Potrebbe essere istallata da un'azienda di logistica per gestire tutte le sue operazioni o da un fornitore di servizi esterno che offre servizi a un gruppo di aziende di trasporto, fornitori e destinatari del prodotto. "Abbiamo esaminato molti modelli di business diversi. In definitiva, il modo in cui un sistema come questo sarà implementato e usato verrà determinato dagli utenti finali e dal mercato," osserva Forcolin. Il concetto generale è avere un carico in grado di comunicare importanti informazioni su di sé all'infrastruttura e da lì a tutte le parti coinvolte nella catena di trasporto. Anche se parliamo di carico intelligente, da un punto di vista tecnico si tratta di un'intelligenza del carico, un'intelligenza distribuita che si ottiene attraverso diversi mezzi e processi." Risolvere problemi reali Le enormi potenzialità di questo approccio sono state dimostrate dal team di EURIDICE in otto implementazioni pilota che hanno mostrato come il carico intelligente e l'intelligenza del carico possono risolvere una serie di problemi reali in diversi settori dell'industria dei trasporti. Una delle prove pilota ha usato il sistema per interconnettere i processi di trasporto e produzione. Lavorando con il produttore di occhiali Safilo, un partner del progetto, la tecnologia è stata implementata per fornire all'azienda informazioni automatiche in tempo reale sul percorso dei prodotti, da prima di lasciare la fabbrica del fornitore finché non sono sistemati nel magazzino dell'azienda. Avendo informazioni in tempo reale su tutte le parti, anche da diversi fornitori, Safilo ha potuto programmare meglio i processi di assemblaggio e produzione, evitando ritardi, riducendo i costi e migliorando l'efficienza della produzione. Con Fiorital, un altro utente finale pilota, le esigenze logistiche erano diverse. L'azienda si occupa della distribuzione di beni al consumo deperibili, come pesce fresco, e ha quindi bisogno di monitorare da vicino lo stato, le condizioni di conservazione e la storia del trasporto di tutti i suoi prodotti. Nell'esperimento l'uso di EURIDICE ha permesso a Fiorital di monitorare in tempo reale le temperature e le condizioni del prodotto durante il trasporto e ricevere avvisi automatici in caso di incidente. Che succede dopo che i beni sono stati consegnati in perfette condizioni e in tempo? Con Gebrüder Weiss, un fornitore di servizi logistici austriaco, il sistema EURIDICE è stato implementato per ottimizzare il ritorno di pallet e scatole vuote e assicurare che i camion non ritornino vuoti. I camion annunciano automaticamente di avere spazio disponibile e le scatole e i pallet informano gli operatori di essere stati scaricati e che sono in attesa di essere restituiti. "Singolarmente, i progetti pilota rappresentavano gli elementi di una catena di fornitura reale. Insieme, hanno coperto una situazione di catena di fornitura quasi completa," dice Forcolin. "Ci sono tantissime possibilità per questo tipo di sistema intelligente. Guardando avanti, riesco a immaginare un sistema intelligente sul carico che comunichi con il veicolo che a sua volta comunica con l'infrastruttura di trasporto, le strade, i porti, ecc., è la visione dell'"Internet delle cose".Grazie al fatto che diversi partner continuano a basarsi sul lavoro svolto da EURIDICE, la visione di un settore dei trasporti più intelligente, più efficiente e più rispettoso dell'ambiente potrebbe diventare prima o poi una realtà. * "European inter-disciplinary research on intelligent cargo for efficient, safe and environment-friendly logistics". Link utili: - Sito web del progetto "European inter-disciplinary research on intelligent cargo for efficient, safe and environment-friendly logistics" - Scheda informativa del progetto EURIDICE su CORDIS