Skip to main content

Design for Ship Safety in Extreme Seas

Article Category

Article available in the folowing languages:

Aiutare le navi ad adattarsi ai mari più burrascosi

Migliori requisiti del design per le imbarcazioni marittime tramite una comprensione più approfondita delle onde anomale aiuterà a migliorare la sicurezza in mare e a proteggere le attività nel settore marittimo.

Tecnologie industriali

Il riscaldamento globale sta portando con sé condizioni atmosferiche estreme che mettono le imbarcazioni e le strutture marine in pericolo. Gli incidenti che danneggiano le imbarcazioni, l’inquinamento costiero e le perdite di vite umane sono tutti fatti accaduti recentemente e rappresentano una tendenza in sconcertante crescita. Affrontare questa questione richiede un grande numero di dati sui fenomeni climatici e sui loro effetti, in particolare sulle onde anomale e sulle conseguenti vittime. Il progetto EXTREME SEAS (“Design for ship safety in extreme seas”), finanziato dall’UE, ha affrontato la mancanza di informazioni relative alle onde anomale valutando la loro frequenza e studiando il comportamento delle imbarcazioni in tali condizioni. Ha quindi fornito la strategia e la tecnologia necessaria per aggiornare il design delle imbarcazioni, oltre a sviluppare i criteri di avvertenza per le strutture marine in condizioni estreme. Per raggiungere i suoi scopi, il progetto ha studiato le proprietà fisiche e statistiche delle onde estreme e anomale, e ha migliorato i modelli di simulazione per le interazioni con le strutture su cui si abbattono. Un’area di ricerca particolare era legata alle imbarcazioni porta-container, le navi da crociera, le navi per il trasporto di gas naturale liquido (GNL), le chimichiere e le petroliere, concentrandosi sulle debolezze e sui possibili errori di progettazione. I membri del progetto hanno esaminato le ragioni alla base delle onde anomale, studiando i relativi dati sperimentali e sul campo nonché migliorando i modelli teorici e numerici delle onde per la generazione delle stesse. Hanno effettuato una simulazione numerica e sperimentale delle onde e intrapreso analisi statistiche legate a diverse regioni come il Mar Baltico, il Mare del Nord e il Nord Atlantico. Il team ha osservato le interazioni onda-corrente, i sistemi di onde passive, gli effetti delle acque superficiali e l’interazione onda quasi-risonanza, spesso chiamata instabilità della modulazione, EXTREME SEAS è riuscito a migliorare le equazioni esistenti relative al calcolo delle caratteristiche delle onde e del loro infrangersi, permettendo di osservare onde anomale individuali, forme di onde, gruppi di onde, l’elevazione della superficie dell’acqua e la cinematica delle onde. Test specifici hanno coinvolto anche la modellazione per l’interazione onda-struttura per prevedere il carico estremo e gli eventi di risposta per il campo d’onda non lineare. I risultati stanno ora aiutando ad articolare un approccio olistico alle nuove procedure di progettazione per la sicurezza delle imbarcazioni nei mari in condizioni estreme. I risultati del progetto sono stati presentati a conferenze, pubblicati su riviste e periodici specializzati e comunicati grazie al workshop dell’Organizzazione meteorologica mondiale tenutasi nel 2011 in Svizzera. Estrapolando le intensità delle condizioni atmosferiche e proponendo nuove procedure di progettazione, i risultati di EXTREME SEAS aiuteranno l’industria marittima ad adattarsi al cambiamento climatico. Dalle piattaforme petrolifere alle imbarcazioni di trasporto commerciale, i risultati del progetto miglioreranno la sicurezza per il settore marittimo e le persone che lavorano nel settore in tutto il mondo.

Parole chiave

Onda anomala, condizioni atmosferiche estreme, marittimo, sicurezza navale, progettazzione navale, criteri d’allarme, strutture marine

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione