Skip to main content

Sustainability and performance assessment and benchmarking of buildings - SuPerBuildings

Article Category

Article available in the folowing languages:

Edifici a elevate prestazioni

I tempi sono maturi per una standardizzazione delle valutazioni relative alle prestazioni degli edifici in termini di sostenibilità. Un ampio gruppo formato da ricercatori europei ha dato avvio ai lavori mediante lo sviluppo di una serie di indicatori e di un processo basato sull'analisi comparativa.

Tecnologie industriali

La parola "sostenibilità" rappresenta una delle espressioni più in voga di questo secolo. Paesi, aziende e persino i cittadini stessi sono sempre più consapevoli e preoccupati dei limiti della conservazione delle risorse naturali e della tutela del pianeta e del suo ambiente. La costruzione di edifici più sostenibili rappresenta una soluzione ideale per gestire i problemi correlati al consumo delle risorse idriche ed energetiche e agli sprechi. Grazie ai finanziamenti stanziati dall'UE per il progetto SUPERBUILDINGS ("Sustainability and performance assessment and benchmarking of buildings - Superbuildings"), un vasto gruppo europeo ha gettato le fondamenta per lo sviluppo di un sistema di valutazione standardizzato relativo agli edifici sostenibili (ES). Gli scienziati hanno rivolto la loro attenzione all'elaborazione di metodi di valutazione e agli indicatori delle prestazioni ambientali, sociali ed economiche sviluppati dal Comitato europeo per la standardizzazione (CEN) e dall'Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). Il progetto è stato incentrato su indicatori potenziali per cui non sono disponibili dati di valutazione, correlati a questioni metodologiche o completamente assenti. I ricercatori ne hanno selezionati 13, relativi ad esempio all'acqua e al consumo di energie non rinnovabili, all'utilizzo del suolo, al potenziale del riscaldamento globale, alla generazione di acqua, all'inquinamento dell'acqua e alla qualità dell'aria in ambienti interni. Dal progetto è emerso che il livello di conoscenza relativo ai valori prestazionali e agli indicatori di sostenibilità tipici è già soddisfacente per architetti, progettisti, responsabili della pianificazione e autorità nel settore edile, mentre lo stesso non può dirsi per le banche, le compagnie assicurative e i rappresentanti delle comunità, per i quali attualmente questa questione non rappresenta affatto una priorità. Gli scienziati hanno studiato l'utilizzo efficace degli indicatori di sostenibilità durante l'intero processo costruttivo, dalle istruzioni del cliente e la pianificazione degli edifici sostenibili alla progettazione, l'attuazione e l'utilizzo/la manutenzione. Il gruppo ha inoltre redatto alcune raccomandazioni finalizzate all'integrazione tecnica e semantica degli indicatori nel sistema di elaborazione di modelli informatici degli edifici (BIM), ovvero una piattaforma di modellizzazione relativamente nuova che aiuta i professionisti nel settore edile a esplorare digitalmente un progetto prima dell'avvio dei lavori. Dopo essere giunti alla conclusione che gli indicatori relativi agli edifici sostenibili sono sufficientemente maturi da essere inclusi in tutte le fasi del ciclo di vita, i ricercatori hanno provveduto all'elaborazione di raccomandazioni finalizzate all'implementazione del sistema. Nell'ambito dell'iniziativa SUPERBUILDINGS, sono state analizzate le possibilità di standardizzazione degli indicatori di sostenibilità degli edifici ai fini della conduzione di analisi comparative tra le prestazioni delle costruzioni durante tutte le fasi del processo di fabbricazione. A detta degli esperti, i tempi sono maturi per un'attuazione di tutte queste idee. Gli sviluppi futuri e l'utilizzo diffuso dei principi di base e delle raccomandazioni nel settore delle costruzioni spingeranno il mercato verso il raggiungimento di un livello più elevato di sostenibilità.

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione