Skip to main content

Enhancement of natural water systems and treatment methods for safe and sustainable water supply in India

Article Category

Article available in the folowing languages:

Potenziare i sistemi di trattamento delle acque in India

Ricercatori dell’UE e indiani hanno intrapreso delle azioni per migliorare i sistemi naturali di trattamento delle acque come la filtrazione golenale (BF, bank filtration), la ricarica gestita delle falde acquifere (MAR, managed aquifer recharge) e le zone umide in India.

Cambiamento climatico e Ambiente

Il progetto SAPH PANI (Potenziamento di sistemi idrici naturali e metodi di trattamento per una fornitura idrica sicura e sostenibile in India) si è basato su una combinazione di competenze locali e internazionali per migliorare le risorse idriche e la fornitura idrica, in particolare in aree urbane e periurbane con scarsa disponibilità idrica. Per raggiungere questi obbiettivi, i ricercatori hanno lavorato per rafforzare la comprensione scientifica dei processi che determinano il rendimento e che avvengono nelle zone delle radici, del suolo e della falda acquifera delle regioni oggetto di studio. Essi hanno inoltre preso in considerazione la rimozione e la sorte di importanti parametri della qualità dell’acqua come ad esempio microrganismi patogeni e relativi indicatori, sostanze organiche, sostanze nutrienti e metalli. Il consorzio ha anche esaminato le tecnologie BF, MAR e dei sistemi naturali di trattamento (NTS) in nove siti in differenti parti del subcontinente indiano. SAPH PANI ha creato una buona comprensione del rendimento della filtrazione golenale come funzione del funzionamento e della progettazione. L’applicabilità della tecnologia è stata ampliata attraverso la valutazione del rischio di inondazioni e lo sviluppo di progetti e altre misure a prova di inondazione. Dopo aver delineato le loro caratteristiche, sono stati individuati dei potenziali nuovi siti BF. Il rendimento MAR è stato quantificato in modo affidabile in base a risultati sul campo e modellamento. Il lavoro del progetto ha fornito nuove conoscenze e ha arricchito i finora limitati dati relativi all’influenza del MAR sulla qualità. È stato effettuato un inventario completo degli NTS indiani pubblici per il trattamento delle acque di scarico, e 41 strutture che rappresentano 5 differenti tecnologie sono state analizzate in loco. Delle sperimentazioni pilota su zone umide costruite supporteranno pianificazione e progettazione di strutture NTS per il trattamento delle acque di scarico, che includono il post trattamento per aumentare la possibilità di riciclo e riutilizzo. Sono state inoltre prodotte raccomandazioni per opzioni di pre e post trattamento per differenti usi. Delle valutazioni mirate di vari fattori hanno portato a raccomandazioni e modelli aziendali sostenibili. Un esempio sono le NTS per il trattamento delle acque di scarico gestite dalle comunità locali. Queste forniranno sia acqua per l’irrigazione che mangime per il bestiame, e aumenteranno così i profitti. I membri del progetto hanno pubblicato circa 30 articoli in riviste scientifiche e hanno prodotto il “Saph Pani Handbook”, che presenta una panoramica delle scoperte più importanti e di straordinarie storie di successo. Il sito web del progetto, le newsletter, i volantini per il grande pubblico, i corsi mirati, gli incontri dei professionisti e oltre 40 eventi sono stati usati per disseminare le informazioni relative al progetto. L’iniziativa si è conclusa con la conferenza finale SAPH PANI, a cui hanno partecipato il ministro indiano delle risorse idriche, oltre 100 scienziati invitati, e responsabili delle politiche e del processo decisionale di alto livello.

Parole chiave

Trattamento acque, India, filtrazione golenale, ricarica gestita falda acquifera, zone umide, fornitura idrica

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione