Skip to main content

Tissue Transmigration Training Network

Article Category

Article available in the folowing languages:

La formazione per sconfiggere le malattie terminali

Un progetto di ricerca finanziato dall’UE ha sviluppato e completato un programma di formazione interdisciplinare per biologi cellulari mirato alle malattie cardiovascolari e oncologiche, una delle cause principali di morte e di disabilità.

Salute

Le cause sottostanti di queste patologie sono tre: l’adesione, la migrazione e il deterioramento dell’ambiente esterno delle cellule, la matrice extracellulare (MEC). Di fronte alla necessità di adottare un approccio interdisciplinare, il progetto T3NET ("Tissue transmigration training network") ha provveduto alla formazione di scienziati europei specializzati in tecniche d’avanguardia in tutte queste aree. Dodici studenti di PhD e due post-dottorato hanno partecipato a un’iniziativa estesa a tutti i paesi dell’UE e a Israele, grazie alla quale hanno approfondito la conoscenza dell’invasione cellulare e del deterioramento della MEC di vari tipi di cellule. In particolare, hanno concentrato l’attenzione sui fenomeni biochimici relativi alle protrusioni cellulari che invadono la MEC nelle cellule cancerose. Invadopodi e podosomi sono infatti necessari per l’invasione e la migrazione. Studiando la proteomica e l’espressione genica, i ricercatori hanno analizzato le molecole che si trovano alla base della formazione e del funzionamento di podosomi e invadopodi in una varietà di cellule. Tra le proteine vi sono WASP, LSP-1, MMP-12 e TGFbeta 1. Di particolare interesse è lo sviluppo di supporti di coltura cellulare che replicano le proprietà fisiche della MEC molto meglio dei tradizionali piatti di coltura in plastica. Altri progetti che si avvalgono di questa nuova tecnologia hanno studiato lo stress della MEC dovuto al rilascio di TGFbeta 1. Per il nuovo protocollo è possibile prevedere la possibilità di applicazioni nella cura delle ferite. Grazie all’aiuto fornito dall’imaging avanzato e dalle superfici con nanopattern, gli scienziati hanno potuto approfondire i fenomeni di adesione e migrazione cellulare e sulla base di questi modelli hanno osservato l’invasione individuale e collettiva delle cellule cancerose attraverso la MEC in 3D, sia in vitro che in vivo. In totale, il lavoro condotto dal progetto ha portato alla pubblicazione di 43 articoli sottoposti a revisione tra pari e altri sono attualmente in fase di preparazione. I documenti elaborati dal team T3NET sono stati presentati durante importanti conferenze in tutta Europa, in particolare al quinto incontro Invadosome a Nijmegen, nei Paesi Bassi, nel 2013. Il sito web è costantemente aggiornato con notizie, comunicati stampa e sintesi dei risultati per la divulgazione al pubblico della ricerca condotta dal team T3NET.

Parole chiave

Formazione, malattie cardiovascolari, cancro, matrice extracellulare, invadopodi, podosoma, proteomica, nanopattern

Scopri altri articoli nello stesso settore di applicazione