Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Sviluppo di sensori per le analisi dei gas vulcanici

AGMV, il progetto europeo per il monitoraggio automatico geochimico dei vulcani è stato avviato nel dicembre 1996 e riceve il finanziamento per due anni in seno al programma di ricerca comunitario ambiente e clima. Il progetto si prefigge in primo luogo di migliorare la capaci...

AGMV, il progetto europeo per il monitoraggio automatico geochimico dei vulcani è stato avviato nel dicembre 1996 e riceve il finanziamento per due anni in seno al programma di ricerca comunitario ambiente e clima. Il progetto si prefigge in primo luogo di migliorare la capacità di rilevare cambiamenti fisico-chimici nei fluidi vulcanici che di norma precedono l'eruzione e a tale scopo dotare i vulcani di strumenti affidabili. Il progetto riguarda lo sviluppo e la verifica di una serie di sensori specifici in grado di operare continuativamente, l'istituzione di stazioni per controllare svariati parametri e la creazione di versioni in campo di analisti da laboratorio che dovrebbero utilizzare la trasmissione dati remotata. Al momento, sono stati progettati e sviluppati diversi tipi di sensori, tra i quali i sensori per controllare la presenza di radon nel terreno e gli spettrometri a infrarossi (ancora solo uno strumento da laboratorio) che consentono di misurare contemporaneamente un ampio ventalgo di gas. Oltre a questi sensori per più parametri, gli studiosi del progetto stanno sviluppando una serie di sensori composti da diversi strumenti ordinati in parallelo, intesi a tenere sotto controllo parametri specifici, il che può essere reso funzionale in modo più semplice e risulta meno costoso. Tuttavia queste apparecchiature comportano la delicata operazione di coordinare l'acquisizione e la trasmissione di dati provenienti dai diversi sensori. Tali sensori saranno testati in Italia intorno al mese di giugno 1998 per almeno sei mesi di registrazioni continuative. I luoghi in cui si svolgerà la verifica sono Solfatara, nei pressi di Napoli, Vulcano, nelle Isole Eolie e Etna in Sicilia.