Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Studio sul mercato dell'elettricità nei Balcani

Il commissario europeo per l'energia Christos Papoutsis ha recentemente presentato uno studio sulle prospettive di sviluppo di un mercato secondario dell'elettricità nella regione dei Balcani. Nel presentare la relazione il commissario ha richiamato l'attenzione sul grande pot...

Il commissario europeo per l'energia Christos Papoutsis ha recentemente presentato uno studio sulle prospettive di sviluppo di un mercato secondario dell'elettricità nella regione dei Balcani. Nel presentare la relazione il commissario ha richiamato l'attenzione sul grande potenziale della regione dei Balcani in materia di sviluppo energetico, affermando: "Alla luce del convegno organizzato a Bucarest lo scorso novembre, ritengo che lo sviluppo del mercato dell'energia nei Balcani possa contribuire alla pace ed alla stabilità dell'intera regione dell'Europa sudorientale e del Mar Nero". Lo studio presenta una proposta relativa ad un mercato dell'elettricità competitivo nella regione e comprende criteri di funzionamento, sviluppo e commercio dell'elettricità. Nei sette capitoli dello studio si presenta l'attuale situazione politica, istituzionale e socioeconomica della regione, con una breve panoramica del settore dell'elettricità nelle regioni limitrofe. Vi si presenta poi una sintesi del futuro mercato regionale dell'energia (REM) con le relative restrizioni, incluse le restrizioni legate all'ambiente o alla sicurezza delle forniture. Le conclusioni generali rivelano un'evidente tendenza verso la creazione di un REM. Detta tendenza è emersa anche nel corso della Conferenza ministeriale dei paesi del Centro energetico regionale del Mar Nero svoltasi a Bucarest il 28 novembre 1997. Il memorandum siglato in occasione della Conferenza include una proposta del commissario Papoutsis circa la necessità di ulteriori studi sulla creazione di un REM nei Balcani. Il Centro energetico regionale del Mar Nero avvierà tra breve un ulteriore studio sullo sviluppo del mercato balcanico dell'elettricità, sovvenzionato dal programma PHARE; inoltre sarà lanciato tra poco un progetto intitolato "Interconnessioni dell'energia nei paesi dell'Europa sudorientale", sovvenzionato nel quadro del programma SYNERGY. Per il momento le condizioni non favoriscono gli investimenti nella regione; gli studi intendono rivelare le possibilità di rafforzare la cooperazione tra detti paesi nel settore dell'energia, creare l'ambito adeguato per incentivare le transazioni in materia di energia e condizioni più favorevoli agli investimenti.