Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Liberalizzazione dei mercati europei dell'energia

La Commissione europea ha adottato recentemente una relazione sulla liberalizzazione dei mercati europei dell'energia, con particolare riferimento al gas e all'elettricità. Il principale obiettivo della liberalizzazione di tali mercati è l'ulteriore integrazione dei mercati na...

La Commissione europea ha adottato recentemente una relazione sulla liberalizzazione dei mercati europei dell'energia, con particolare riferimento al gas e all'elettricità. Il principale obiettivo della liberalizzazione di tali mercati è l'ulteriore integrazione dei mercati nazionali dell'energia, quale mezzo per aumentare la sicurezza di approvvigionamento, ridurre i costi e migliorare la competitività. La relazione documenta i vari passi e progressi effettuati sinora in merito al completamento del mercato interno dell'energia. L'azione in tal senso è suddivisa in tre fasi: - Fase 1 - adozione di tre direttive per istituire una procedura comunitaria che garantisca la trasparenza dei prezzi ai consumatori finali di gas ed elettricità del settore industriale; - Fase 2 - adozione della direttiva sulle autorizzazioni per gli idrocarburi che stabilisce le condizioni per il rilascio e l'esercizio delle autorizzazioni alla prospezione, esplorazione ed estrazione di idrocarburi; - Fase 3 - adozione della direttiva che stabilisce norme comuni per il mercato interno dell'elettricità e proposta per la definizione di norme comuni per il mercato interno del gas naturale (adottata ufficialmente l'11 maggio 1998). La relazione riassume quindi la situazione in ciascuno Stato membro riguardo alla liberalizzazione dell'elettricità e dedica la sezione finale alle misure di accompagnamento e controllo, quali l'armonizzazione delle norme nei settori dell'ambiente e della sicurezza, che dovranno garantire una leale concorrenza. La Commissione propone anche uno studio per analizzare le conseguenze sociali, in termini di occupazione, delle nuove regole di mercato.