Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

La tecnologia laser veste i piedi difficili

L'uso del laser per creare un'immagine tridimensionale del piede consente di fabbricare calzature in modo più semplice e preciso rispetto ai metodi tradizionali. Questa tecnologia rivoluzionerà la produzione delle scarpe ortopediche e potrà anche stimolare la produzione europe...

L'uso del laser per creare un'immagine tridimensionale del piede consente di fabbricare calzature in modo più semplice e preciso rispetto ai metodi tradizionali. Questa tecnologia rivoluzionerà la produzione delle scarpe ortopediche e potrà anche stimolare la produzione europea di scarpe su misure di alta qualità. Antecedenti In seguito a un incidente, a una malattia o a una tara ereditaria, una persona di qualsiasi età può aver bisogno di calzature speciali. Le scarpe ortopediche convenzionali sono goffe e poco apprezzate, specialmente tra i giovani. Il loro adattamento è difficile, e richiede numerose misurazioni e correzioni per potere offrire una vera mobilità e un sollievo dal dolore. Un sistema creato in Francia utilizza un sistema di fasci laser che vengono intercettati dal piede e possono così produrne un'immagine tridimensionale. Un computer memorizza in forma digitale i dati relativi all'immagine. Questi vengono poi riversati su un sistema automatico per la produzione delle sagome. Descrizione, impatto e risultati Il podonumerizzatore è un sistema portatile che viene usato, di norma, da un ortopedico qualificato. Il piede del paziente viene appoggiato su una piastra rettangolare all'interno del numerizzatore, dove intercetta i fasci laser provenienti dall'alto, dal retro e dai lati. L'apparecchio deve misurare il piede con precisione e rapidità, poiché molti pazienti non possono mantenere a lungo la posizione eretta. L'immagine del piede generata dal computer viene convertita in dati numerici e memorizzata in un sistema CAD/CAM, che in un secondo tempo può essere collegato con un sistema automatico per la produzione delle sagome. La scarpa che verrà prodotta avrà una calzata perfetta, e quindi non richiederà le abituali modifiche. Essa dovrà essere anche comoda, elegante e non goffa. Questo processo riduce i tempi d'attesa e le difficoltà tipici dell'adattamento delle scarpe ortopediche tradizionali. Il metodo consente anche una riduzione dei costi, perché elimina le molteplici operazioni di adattamento a cura di specialisti ortopedici (un annoso problema per i servizi nazionali sanitari e di sicurezza sociale a cui incombono le spese per le scarpe speciali). Un'altra grande possibilità del podonumerizzatore è l'uso nei punti vendita di calzature su misura, per uso non medico, nella fascia alta del mercato. L'uso dell'apparecchio è semplice e non richiede una formazione speciale né manipolazioni di alcun tipo per registrare i dati podometrici del cliente. I dati memorizzati in forma digitale potranno essere trasmessi al fabbricante, che sarà in grado di produrre scarpe dotate di calzata perfetta, per il mercato di fascia alta. Questo potrebbe essere esattamente lo stimolo necessario al settore calzaturiero europeo per ravvivare il mercato della scarpa su misura di altissima qualità, che sarebbe una risposta all'invasione di scarpe a buon mercato di fabbricazione asiatica, che ha affossato il mercato. Partenariati di lavoro Il progetto è stato diretto dalla francese CETIOP (Conseil-Expertises Technologies Industrielles Organisation de Production), studio di consulenza nel settore della ricerca, che opera in stretta collaborazione con il fabbricante di calzature francese Gabilly. Le indicazioni riguardanti l'esecuzione delle misure ortopediche nonché le caratteristiche proprie ai rispettivi mercati nazionali della calzatura sono state fornite dalla Buratto (Italia), dalla BT (Germania) e dalla De Pretre (Belgio). La Buratto ha anche una certa esperienza nella misurazione delle piante dei piedi effettuata con tecnologie computerizzate. Tuttavia, lo sviluppo completo del sistema è stato reso possibile dal programma CRAFT dell'Unione europea, che consente ai gruppi di piccole imprese prive di capacità di ricerca di subappaltare la ricerca stessa a specialisti, con il sostegno dell'Unione europea. Il progetto CRAFT 'Dilaco - numerizzazione laser per calzature ortopediche' ha introdotto quattro nuovi partner francesi che hanno collaborato per portare i risultati allo stadio di produzione commerciale: le organizzazioni di ricerca Ens-Cachan e IFMA hanno sviluppato il sistema laser e il software; la Strategies ha prodotto il sistema CAD/CAM destinato a memorizzare i dati delle misurazioni; e la Elmetherm ha costruito un prototipo di podonumerizzatore e ha fatto i preparativi per la produzione dell'articolo finito. I partner hanno costituito una nuova azienda francese e sperano di iniziare la produzione nel 2001.