Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Rafforzare l'industria europea dell'audiovisivo

Il Consiglio europeo sta attualmente valutando l'adozione di un programma di rafforzamento e di sostegno dell'industria audiovisiva europea proposto dalla Commissione europea. Il programma, denominato "MEDIA Plus", incentiverebbe lo sviluppo, la distribuzione e la promozione d...

Il Consiglio europeo sta attualmente valutando l'adozione di un programma di rafforzamento e di sostegno dell'industria audiovisiva europea proposto dalla Commissione europea. Il programma, denominato "MEDIA Plus", incentiverebbe lo sviluppo, la distribuzione e la promozione delle opere audiovisive europee all'interno e all'esterno della Comunità europea. "MEDIA Plus" costituisce il prolungamento dell'attuale programma MEDIA II e si riferisce al periodo 1° gennaio 2001-31 dicembre 2005. Gli obiettivi del programma sono i seguenti: - miglioramento della competitività dell'industria audiovisiva europea mediante sostegno allo sviluppo, alla distribuzione e alla promozione di opere audiovisive, tenendo conto dello sviluppo delle nuove tecnologie; - rispetto della diversità linguistica e culturale europea; - valorizzazione del patrimonio audiovisivo europeo, in particolare la sua digitalizzazione e messa in rete; - sviluppo del settore audiovisivo dei paesi o regioni con scarsa capacità di produzione audiovisiva e/o con un'area geografica e linguistica limitata; - rafforzamento di un settore di produzione e di distribuzione in particolare delle piccole e medie imprese. L'importo di riferimento finanziario proposto dalla Commissione per l'esecuzione del programma è di 350 milioni di euro. Il finanziamento concesso ai beneficiari del sostegno comunitario non supera il 50 per cento del costo delle operazioni. Tale programma è aperto alla partecipazione dei paesi associati dell'Europa centrale e orientale, di Cipro, di Malta, della Turchia e degli Stati EFTA membri dell'accordo SEE. Prima della decisione del Consiglio verrà richiesto il parere del Parlamento europeo e del Comitato economico e sociale.