Skip to main content

Article Category

Notizia

Article available in the folowing languages:

Pressioni dei leader dell'UE per la strategia di Lisbona

Durante il vertice del Consiglio europeo di Feira (19 e 20 giugno), che ha suggellato le conclusioni della Presidenza portoghese, i leader dell'UE hanno sottolineato l'esigenza di conservare il carattere dinamico dell'applicazione della strategia di Lisbona per il rafforzament...

Durante il vertice del Consiglio europeo di Feira (19 e 20 giugno), che ha suggellato le conclusioni della Presidenza portoghese, i leader dell'UE hanno sottolineato l'esigenza di conservare il carattere dinamico dell'applicazione della strategia di Lisbona per il rafforzamento della situazione dell'occupazione nell'economia basata sulla conoscenza. Il Consiglio europeo ha evidenziato numerosi settori su cui concentrare gli interventi, a partire dal piano d'azione della Commissione europea denominato "eEurope 2002". Agli Stati membri è stato richiesto di garantire un'attuazione piena e tempestiva delle proposte finalizzate alla creazione di una società basata sulla conoscenza che sia aperta a tutti, mentre la Commissione è stata invitata a redigere relazioni a scadenza regolare sui progressi conseguiti. L'impegno assunto dai ministri della "Ricerca" dell'UE verso lo sviluppo di uno Spazio europeo della ricerca (vedi CORDIS RCN 15022) è stato accolto favorevolmente dai capi di Stato e di Governo dell'UE. Essi hanno mostrato particolare soddisfazione per le misure proposte concernenti l'individuazione di criteri per l'analisi comparativa delle politiche in materia di ricerca e per la creazione di un repertorio dell'eccellenza scientifica e tecnologica; si sono inoltre compiaciuti dell'impegno per la creazione di una rete di programmi di ricerca nazionali ed europei, nonché dell'assunzione di iniziative miranti all'interconnessione ad altissima velocità delle reti tra istituti di ricerca. La Commissione è stata invitata a proseguire il dialogo con le autorità statunitensi, al fine di istituire un collegamento transatlantico a larga banda tra i centri di ricerca e di istruzione europei e statunitensi. Il Consiglio europeo ha evidenziato l'importanza delle piccole imprese e dei piccoli imprenditori per il benessere dell'economia europea ed ha richiesto che la Carta europea per le piccole imprese, recentemente adottata, entri a far parte di una politica globale delle imprese. Sono stati sottolineati i progressi compiuti nell'attuazione del mercato interno, in particolare la direttiva in materia di e-commerce e gli accordi sull'armonizzazione di taluni aspetti del diritto d'autore, gli accordi politici concernenti le offerte pubbliche di acquisto, il settore creditizio ed assicurativo nell'ambito del piano d'azione per i servizi finanziari, nonché le nuove norme per gli appalti pubblici e per la liberalizzazione postale. I capi di Stato e di Governo dell'UE hanno approvato inoltre gli orientamenti della Commissione sull'adattamento dei sistemi di istruzione in rapporto alla società dell'infomazione. Tutte le istituzioni dell'UE sono state incoraggiate a sviluppare ulteriori misure per stimolare una strategia della formazione permanente. Il Consiglio europeo ha altresì annunciato che il quadro istituzionale per l'attuazione della strategia di Lisbona verrà ulteriormente rafforzato dal miglioramento del coordinamento, soprattutto tra la Commissione ed il Consiglio. In risposta alle conclusioni, la presidente del Parlamento europeo Nicole Fontaine ha dichiarato che il vertice di Lisbona rappresenta uno degli elementi di maggiore successo della Presidenza portoghese, affermando: "Il vertice, mediante la formulazione di orientamenti chiari in questo settore, ha prodotto un nuovo slancio irreversibile e spetta alla prossima Presidenza francese il compito di proseguire. Noi sappiamo che essa è decisa ad agire in tal senso".ung der

Paesi

Francia

Articoli correlati